IL MUSEO TAM RIPERCORRE LA STORIA DELLA PANAIR DO BRASIL

Dal 6 febbraio al 3 Marzo, il Museo TAM promuoverà una singolare esposizione sulla storia della Panair do Brasil. Questa mostra è stata preparata in onore dei 48 anni di inattività di una delle compagnie aeree più all’avanguardia e più rispettate di tutto il Paese. Il suo ultimo giorno di attività fu il 10 Febbraio 1965. Dedicata a tutti e presentata all’interno del Museo TAM, l’esposizione, tra le altre cose, esporrà le uniformi usate dai piloti e dagli assistenti di volo della Panair, oltre ad una considerevole collezione di attrezzature appartenute alla compagnia e che hanno partecipato a molti voli in Africa, Sud America, Europa e Medio Oriente.

I visitatori avranno anche la possibilità di visitare il “Constellation”, il modello di aeroplano più usato dalla compagnia. Questo velivolo con quattro motori radiali a pistoni è stato costruito nel 1946 dalla compagnia Nord Americana Lockheed. Questo esemplare fu portato presso il complesso della città di San Carlos (nelle vicinanze di San Paolo) alla fine del 2000 e, dopo essere stato sottoposto a diverse riparazioni, entrò a far parte della collezione del Museo, insieme ad altri 79 esemplari esposti. L’iniziativa di esporre i resti della Panair ha potuto contare sull’aiuto degli ex impiegati della compagnia aerea, che fu fondata nel 1929 come Nyrba do Brasil. Nel 1930, la compagnia si fuse con la storica Pan American Airways (PanAm), e così il suo nome cambiò in Panair do Brasil. Durante i suoi 35 anni di attività, fu una delle principali compagnie del Paese nel settore dell’aviazione commerciale, finchè il suo operato non terminò negli anni 60.

Il Museo TAM (www.museutam.com.br) situato a San Carlo (periferia di San Paolo), detiene la più numerosa collezione aeronautica mantenuta da una compagnia aerea, con 79 aerei in esposizione.

(Ufficio Stampa TAM Airlines)

Articolo scritto da JT8D il 4 Feb 2013 alle 7:01 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze, Eventi e Manifestazioni - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus