PASSEGGERI IN CALO NEL 2012 ALL’AEROPORTO DI TORINO

L’Aeroporto di Torino ha chiuso il 2012 con un calo di passeggeri del 5%, determinato in larga parte dalla situazione di crisi economica generale e anche dal fallimento di alcune compagnie aeree (Wind Jet). I passeggeri transitati dallo scalo torinese sono stati 3.521.847 rispetto ai 3.710.485 del 2011. In diminuzione del 5% anche il numero dei movimenti, in linea con il dato nazionale Assaeroporti. A gennaio 2013 il traffico passeggeri è ancora in calo del 14,7% e riflette la tendenza degli altri scali italiani. Tra le destinazioni domestiche Roma è al primo posto con 876.614 passeggeri, seguita da Napoli con 298mila persone, quindi Catania con 250mila unità. Londra, considerando gli aeroporti di Gatwick, con British Airways e Easyjet, e Stansted, con Ryanair, è la capitale europea più richiesta con 213mila passeggeri, poi Francoforte con Lufthansa con 188mila passeggeri e Parigi Charles de Gaulle con Air France con 188mila persone trasportate.

Tra le destinazioni che hanno fatto registrare i migliori coefficienti di riempimento troviamo al primo posto Trapani con Ryanair (90%), Bari e Brindisi con Ryanair (88%), Reggio Calabria con Alitalia (87%) e Londra Stansted con Ryanair (81%). Il traffico verso gli hub europei nel 2012 è cresciuto complessivamente del 3,4%, registrando quasi 730mila passeggeri, in particolare verso Monaco, Francoforte, Parigi, Madrid, Lisbona (volo inaugurato a giugno) e Istanbul. In particolare, il collegamento verso Istanbul, potenziato nel 2012, operato da Turkish Airlines consente di raggiungere 219 destinazioni nel mondo in 98 Paesi.

Nel 2012 Alitalia si conferma la prima compagnia dello scalo, registrando 1.180.672 passeggeri. Ryanair, al secondo posto, continua ad incrementare il numero di persone trasportate, che salgono a 601.264 unità con una quota di mercato del 17% del traffico totale. In calo (7%) anche l’andamento del segmento low cost, che nel 2012 ha registrato 982.296 passeggeri, nonostante l’attivazione di nuovi voli. Il traffico charter nel 2012 è cresciuto dell’8,5% con oltre 185mila passeggeri (di cui il 62% incoming). Tra le destinazioni incoming: Londra, Birmingham, Bristol, Mosca, Copenhagen, Stoccolma. Tra quelle outgoing: Marsa Alam, Sharm El Sheik, Kos, Rodi, Ibiza, Djerba, Creta. A gennaio 2013, sul fronte charter invernali, assistiamo però ad un forte rallentamento stimabile intorno al 18%.

(Ufficio Stampa SAGAT)

Articolo scritto da JT8D il 7 Feb 2013 alle 6:40 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus