AIRBUS E JETBLUE PRESENTANO IL PRIMO A320 IN NORD AMERICA CON SHARKLETS

In un evento svolto oggi nella sua base nel New York John F. Kennedy International Airport (JFK), JetBlue Airways ha presentato il primo dei suoi aeromobili Airbus A320 allestito con Sharklet. Il velivolo - numero di registrazione N821JB - è anche il primo di una compagnia aerea del Nord America ad utilizzare questi dispositivi. “L’aggiunta delle Sharklet alla nostra flotta di A320 crea maggiore efficienza nei consumi e ci permette di essere una compagnia aerea più verde”, ha detto Rob Maruster, Chief Operation Officer di JetBlue. “Come primo vettore al mondo ad eseguire un production retrofit ad un aeromobile A320, il progetto guarda anche alla storia di innovazione di JetBlue, che vuole essere all’avanguardia del settore”.

“Quando JetBlue è nata, è entrata in servizio con una efficiente flotta all-Airbus e, fin dal primo giorno, è stata un leader del settore”, ha detto Barry Eccleston, Airbus Americas President and Chief Executive Officer, che ha parlato alla manifestazione di oggi. “Il fatto di essere la prima compagnia del Nord America a volare con Sharklet dimostra ancora una volta la loro attenzione all’efficienza della flotta di cui beneficiano i loro clienti e l’ambiente”. Le Sharklet sono un’opzione per gli aerei di nuova costruzione della famiglia A320 e sono di serie su tutti i membri della Famiglia A320neo. Nel caso dell’aereo JetBlue presentato oggi, il velivolo è stato prodotto con un’ala strutturalmente pronta ad accettare le Sharklet, che sono state montate successivamente con il sostegno di Airbus presso la JetBlue JFK Facility.

JetBlue serve 75 città con 750 voli giornalieri e vola attualmente con una flotta di 127 Airbus A320 Family, con altri 86 in backlog. La compagnia prenderà in consegna il suo primo di 30 A321 entro la fine dell’anno.

(Ufficio Stampa Airbus)

Articolo scritto da JT8D il 22 Feb 2013 alle 9:14 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze, Industria - Tags: , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus