IL BOEING PHANTOM EYE COMPLETA IL SUO SECONDO VOLO

Il Boeing “Phantom Eye”, aereo senza pilota alimentato a idrogeno liquido, ha completato il suo secondo volo il 25 febbraio, dimostrando capacità che permetteranno di eseguire missioni di intelligence, sorveglianza e ricognizione (ISR) per un massimo di quattro giorni senza rifornimento. Durante il volo, dal NASA Dryden Flight Research Center presso la Edwards Air Force Base, in California, il Phantom Eye è salito a un’altitudine di 8.000 metri ed è rimasto in volo per 66 minuti ad una velocità di crociera di 62 nodi prima di atterrare. Il velivolo ha superato quello che ha realizzato lo scorso anno durante il suo primo volo, quando ha volato a un’altitudine di 4.080 metri ed è rimasto in volo per 28 minuti.

“La combinazione delle questioni geopolitiche ed economiche odierne rende le capacità, l’accessibilità e la flessibilità del Phantom Eye molto interessanti per i nostri clienti globali”, ha detto Darryl Davis, presidente di Boeing Phantom Works. “Nessun altro sistema mantiene la promessa di offrire on-demand, ISR continuo e comunicazioni per qualsiasi regione del mondo, una rapida risposta alle catastrofi naturali e alle questioni di sicurezza nazionale”.

Boeing sviluppa il sistema Phantom Eye, che genera solo acqua come sottoprodotto del suo sistema di propulsione, in auto-finanziamento. “Questo volo, svolto con un flight envelope più impegnativo ad alta quota di volo, ha dimostrato con successo le capacità di manovrabilità, resistenza e atterraggio del Phantom Eye”, ha dichiarato Drew Malva, Phantom Eye program manager. Dopo il primo volo, Boeing ha aggiornato il software del velivolo e l’hardware, compreso il carrello di atterraggio: gli aggiornamenti hanno dato i loro frutti sotto forma di un perfetto atterraggio. Il dimostratore Phantom Eye è in grado di trasportare un carico utile di 450 libbre durante il funzionamento fino ad un massimo di quattro giorni ad altitudini fino a 65.000 piedi.

(Ufficio Stampa Boeing)

Articolo scritto da JT8D il 27 Feb 2013 alle 7:15 pm.
Categorie: Industria - Tags: ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus