IAG RAGGIUNGE ACCORDO CON BOEING PER L’ACQUISTO DI NUOVI AEROMOBILI A LUNGO RAGGIO

International Airlines Group (IAG) ha raggiunto un accordo con Boeing riguardo l’acquisto di nuovi aeromobili a lungo raggio per la flotta del gruppo. IAG ha intenzione di convertire 18 attuali opzioni per i Boeing 787 in ordini fermi per British Airways: saranno utilizzati per sostituire alcuni Boeing 747-400 della compagnia tra il 2017 e il 2021. Riguardo Iberia, IAG ha raggiunto un accordo con Boeing per garantirsi termini commerciali e slot di consegna che potrebbero portare ad un ordine per i Boeing 787. Gli ordini fermi saranno effettuati solo quando Iberia avrà ristrutturato e ridotto la propria base di costi e sarà in condizione di crescere in modo redditizio. I 787 British Airways saranno equipaggiati con motori Rolls-Royce Trent 1000: l’ordine riguardante i propulsori comprende un pacchetto completo di manutenzione.

Willie Walsh, amministratore delegato IAG, ha dichiarato: “British Airways dispone di 24 Boeing 787 già in ordine e abbiamo intenzione di potenziare l’ordine con ulteriori 18 aeromobili, esercitando le nostre opzioni. Il velivolo offre maggiore efficienza nei consumi rispetto ai nostri aerei attuali, con un miglioramento nel fuel cost per seat di oltre il 20 per cento. I motori di nuova tecnologia e la migliore aerodinamica abbassano i consumi e riducono le emissioni. La creazione di IAG ha portato a maggior potere d’acquisto per entrambe le compagnie aeree attraverso appalti congiunti”.

British Airways dispone di 118 aerei wide-body a lungo raggio nella sua flotta, con 42 aeromobili (12 A380, 24 B787, sei B777-300ER) già in ordine. Iberia ha 31 aerei wide-body a lungo raggio nella sua flotta, con sei aeromobili A330 già ordinati. L’ordine sarà soggetto ad approvazione da parte degli azionisti IAG.

(Ufficio Stampa IAG - International Airlines Group)

Articolo scritto da JT8D il 6 Apr 2013 alle 11:01 am.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze, Industria - Tags: , , , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus