AEROPORTO DI RIMINI: MIGLIOR RISULTATO STAGIONALE NEL PRIMO FINE SETTIMANA DI LUGLIO

Miglior risultato stagionale per l’Aeroporto Internazionale “Federico Fellini” di Rimini-San Marino. Il primo fine settimana di luglio, che ha coinciso con gli appuntamenti della Notte Rosa 2013, proietta l’Aeroporto Internazionale di Rimini-San Marino al miglior risultato stagionale: con 98 voli in programma, 11 Paesi (Russia, Germania, Bielorussia, Olanda, Svizzera, Grecia, Belgio, Lussemburgo, Finlandia, Albania, Italia) e 26 città collegate il “Fellini” contabilizza circa 15mila passeggeri complessivi. Delle 26 città collegate, 12 sono russe: Mosca, San Pietroburgo, Krasnodar, Rostov, Samara, Voronezh, Belgorod, Ekaterinburg, Volgograd, Mineralnye Vody, Novosibirsk, Kazan. Seguono la Germania - con Berlino, Dusseldorf, Stoccarda, Norimberga, Karlsruhe/Baden-Baden – l’Olanda (Amsterdam), la Svizzera (Zurigo e Basilea), il Lussemburgo, il Belgio (Bruxelles), la Bielorussia (Minsk), la Finlandia (Helsinki), la Grecia (Zante), l’Albania (Tirana).

Più nel dettaglio e solo per citare le località con più di tre voli, troviamo: 26 voli da e per Mosca, 8 da e per San Pietroburgo, 4 da e per Ekaterinburg, 4 da e per Rostov, 4 da e per Amsterdam, 4 da e per Helsinki, 3 da e per Zante e via a seguire le altre destinazione con minimo 2 voli “a testa”. Per quanto riguarda le statistiche del mese di giugno, il “Fellini” ha visto transitare 68.174 passeggeri con una diminuzione del 29,85% rispetto allo stesso periodo 2012 (quando erano ancora operativi i voli Windjet con 12 collegamenti internazionali); mentre nel confronto con lo stesso periodo 2010 (quando Windjet non aveva ancora attivato le 12 rotte del proprio network), il saldo è ampiamente positivo: +25,2% (all’epoca i passeggeri di giugno furono 60.961).

(Ufficio Stampa Aeradria - Aeroporto di Rimini)

Articolo scritto da JT8D il 8 Lug 2013 alle 5:27 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus