ETIHAD ANNUNCIA IL SUO PIU’ GRANDE ORDINE DI ACQUISTO PER AEREI E MOTORI

Etihad Airways, la compagnia nazionale degli Emirati Arabi Uniti, ha annunciato ieri il suo più grande ordine d’acquisto, pari a 199 aeromobili e 294 motori, con una commessa totale di 67 miliardi US$, che consentirà alla compagnia aerea di accelerare la sua crescita come leader nel settore dell’aviazione per i prossimi dieci anni. L’annuncio è stato fatto al Dubai Air Show, con l’ordine fisso di 87 Airbus e 56 Boeing, con successive 56 opzioni e diritti d’acquisto. I nuovi aeromobili avranno 127 propulsori GE Aviation, 115 Rolls-Royce e 52 CFM. Ogni nuovo aeromobile sarà impiegato a supporto dell’ambiziosa strategia di crescita di Etihad Airways, verrà lanciato sui nuovi mercati e aumenterà le frequenze sulle rotte attuali, e via via sostituirà gli aeromobili più vecchi e meno efficienti. Attraverso un unico nuovo approccio, Etihad Airways avrà la possibilità di redistribuire gli ordini tra i membri della sua equity alliance, le compagnie aeree dei principali mercati in cui detiene partecipazioni azionarie di minoranza nel mondo. Ciò le garantirà capacità da allocare dove esiste più richiesta, migliorando al contempo l’omogeneità della flotta e condividendo importanti sinergie di costo tra i vettori della equity alliance.

L’ordine, che comprende 25 Boeing 777X, 30 Boeing 787-10 Dreamliner, un Boeing 777 cargo, 50 Airbus A350 XWB, 36 Airbus A320 e l’Airbus A330-200F, vedrà le prime consegne di aerei passeggeri a partire dal 2018. La compagnia aerea ha attualmente una flotta di 86 aeromobili, con oltre 80 ordini fissi. Il suo ultimo maggiore acquisto è stato fatto al Farnborough Air Show nel 2008, quando Etihad Airways ha annunciato ordini fissi per 100 aeromobili, con un ordine sul lungo perioodo che ai tempi è stato uno dei maggiori della storia dell’aviazione. Il valore complessivo dei due ordini del 2008 e del 2013, inclusi i motori, tocca 110 miliardi di US$, stando ai prezzi di listino. Etihad Airways diverrà la più grande compagnia aerea singola cliente di Boeing 787 Dreamliner, con 30 aeromobili di quest’ordine che si aggiungono ai 41 annunciati negli ordini precedenti. Diverrà anche il cliente di lancio del Boeing 777-8X.

James Hogan, Presidente e CEO di Etihad Airways, ha commentato: “La scorsa settimana Etihad Airways ha celebrato il suo 10° anniversario. In una sola decade, siamo diventati una compagnia aerea con 86 aeromobili, trasportando oltre 11 milioni di passeggeri su 97 rotte, per cui lavorano più di 16.500 dipendenti. Ora abbiamo nella nostra equity alliance 7 partner in tutto il mondo e una strategia di business che ci ha visto dare vita alla compagnia aerea leader nel mondo. Abbiamo ottenuto tutto questo mentre conseguivamo una redditività sostenibile. Questi ordini di aeromobili rappresentano il passo successivo nella nostra strategia di crescita a lungo termine e vengono incontro alle nostre necessità per i prossimi 10 anni e oltre, mentre cresciamo ancora e più rapidamente di prima. Stiamo contribuendo a posizionare Abu Dhabi come uno dei grandi hub dell’aviazione civile nel mondo offrendo collegamenti con le città di ogni continente. Quest’ordine ci darà la capacità di continuare con quelle ambiziose aspirazioni”. Il mix di aeromobili wide e narrow-body supporterà lo sviluppo del crescente network di Etihad, con focus sul suo hub, l’Abu Dhabi International Airport, che aprirà il nuovo terminal di Midfield nel 2017, con un importante aumento di capacità.

Hogan ha aggiunto che la possibilità di condividere ordini con i membri della equity alliance ha fornito un’opportunità unica. Etihad Airways detiene quote di partecipazione attualmente in airberlin, Air Seychelles, Aer Lingus, Virgin Australia e Air Serbia. Nella scorsa settimana, Etihad Airways ha ricevuto l’approvazione governativa per l’acquisizione del 24% di quote dell’indiana Jet Airways. Ieri ha inoltre annunciato l’acquisizione del 33,3% del vettore svizzero Darwin Airline, che opererà con i primi voli brandizzati Etihad Airways con la nuova livrea e badge Etihad Regional. Hogan ha detto: “I benefit di ritorno dalla nostra equity alliance per tutti i nostri membri sono sempre stati chiari. Ma la vera forza di questa strategia sta nell’opportunità delle sinergie di business che possano migliorare i costi operativi di tutti i partner. Ciò significa che tutti i nostri partner strategici potranno trarne beneficio. Quando abbiamo fatto il nostro maggiore ordine al Farnborough nel 2008, abbiamo stabilito accordi che ci hanno dato grande flessibilità nella consegna degli aeromobili, consentendoci di andare incontro alla reale domanda di passeggeri, in base alle dinamiche di mercato. Questi accordi rappresentano un ulteriore passo avanti per questo concetto, consentendoci di offrire capacità dove e quando serve di più all’interno della nostra equity alliance. L’opportunità di standardizzare le flotte e di allineare il prodotto tra tutti i membri - pur mantenendo sempre distinte le brand identity di ciascuna compagnia aerea - offrirà a tutti sinergie di costo evantaggi sul mercato”. Il Seabury Group ha svolto il ruolo di consulente nella chiusura di questi accordi.

(Ufficio Stampa Etihad Airways)

Articolo scritto da JT8D il 18 Nov 2013 alle 6:32 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze, Industria - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus