BOEING PREVEDE UN AUMENTO DELLA DOMANDA PER PILOTI DI LINEA IN MEDIO ORIENTE

Boeing prevede che le compagnie aeree del Medio Oriente avranno bisogno di circa 100.000 nuovi piloti e tecnici per sostenere la crescente domanda di nuove consegne di aerei nel corso dei prossimi due decenni. Boeing, durante il Salone Aeronautico di Dubai, ha diramato le previsioni regionali del Pilot and Technician Outlook del 2013 - una stima autorevole della compagnia sul personale dell’aviazione in un futuro prossimo. Vista la crescita più veloce dell’industria aeronautica in Medio Oriente rispetto alla media, Boeing prevede che il Medio Oriente avrà bisogno di 40.000 piloti e 53.100 tecnici nell’arco dei prossimi 20 anni. “Stiamo assistendo a una significativa e insistente richiesta di personale aeronautico competente in Medio Oriente e in tutto il mondo, dovuta all’espansione delle flotte delle compagnie aeree”, ha dichiarato Sherry Carbary, vice presidente di Boeing Flight Services.

“Stiamo lavorando a stretto contatto con le compagnie aeree, le scuole di volo indipendenti e altri gruppi industriali per rendere la formazione accessibile, conveniente ed efficace, in modo che ogni persona che ottenga una qualifica in Medio Oriente – o in qualsiasi altra parte del mondo – possa diventare un pilota o un tecnico della manutenzione in questa industria ad alta tecnologia”. In Medio Oriente saranno necessari ogni anno mediamente 2.000 nuovi piloti e oltre 2.600 tecnici per soddisfare la domanda attesa.

L’Outlook 2013 prevede un incremento significativo della domanda di piloti - rispetto alle previsioni precedenti - in tutte le regioni tranne l’Europa, che è leggermente in calo rispetto alle proiezioni dello scorso anno. Nel complesso, la domanda è spinta da un aumento costante delle consegne di aerei. Oltre il 60% della domanda di piloti in Medio Oriente sarà spinta dall’aumento delle consegne di aerei a doppio corridoio, o widebody. Riguardo alla domanda globale di tecnici, l’introduzione di aeromobili più efficienti e più intelligenti richiede nel corso del tempo un minor numero di meccanici, in quanto i velivoli con più anni di servizio, che in genere richiedono maggiore manutenzione, non saranno più utilizzati. Le nuove componenti tecnologiche di cui sono dotati gli aerei più avanzati sono tali da avere, in alcune aree, minori esigenze di manutenzione e una corrispondente domanda tecnica inferiore.

La domanda prevista per i nuovi piloti e tecnici divisa per regioni: Asia Pacifico – 192.300 piloti e 215.300 tecnici; Europa – 99.700 piloti e 108.200 tecnici; Nord America – 85.700 piloti e 97.900 tecnici; America Latina – 48.600 piloti e 47.600 tecnici; Medio Oriente – 40.000 piloti e 53.100 tecnici; Africa – 16.500 piloti e 15.900 tecnici; Russia e CIS – 15.200 piloti e 18.000 tecnici.

“Questo è un tema all’attenzione dell’intera industria aeronautica”, ha detto Carbary. “Per attirare una nuova generazione di piloti e tecnici, dobbiamo formarli in modi nuovi. Boeing è alla continua ricerca di metodi di formazione innovativi, che si allontanano dallo studio tradizionale per incorporare tablets, eBooks, gaming technology e modelli elettronici tridimensionali. Abbiamo la responsabilità di fare in modo che l’aviazione sia una grande opportunità di carriera per i giovani del mondo così come lo è per noi “.

(Ufficio Stampa Boeing)

Articolo scritto da JT8D il 19 Nov 2013 alle 6:37 pm.
Categorie: Industria - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus