ALENIA AERMACCHI: INNOVATIVA CAPACITA’ ANTINCENDIO PER IL C-27J SPARTAN

Sarà un C-27J della Forza Aerea rumena il primo velivolo in Europa ad utilizzare un innovativo sistema antincendio sperimentato da Alenia Aermacchi nelle ultime settimane, nel corso di un’intensa attività di test operativi e addestrativi. Alenia Aermacchi infatti, ha completato presso un poligono in Romania una campagna sperimentale condotta su un C-27J in servizio con la Fortele Aeriene Române - la Forza Aerea Romena - per testare l’innovativo sistema antincendio Caylym Guardian che consente la possibilità di sganciare con un C-27J fino a sei contenitori in cartone da circa 1.000 litri ciascuno di liquido estinguente, sui focolai di incendio. Il sistema consente un rapido, accurato e innovativo sistema per combattere gli incendi boschivi. Utilizzando il normale sistema di sgancio di carichi in volo del C-27J, il Guardian garantisce un’estrema precisione nello sgancio e la creazione di una nube di liquido ritardante ben concentrata sul bersaglio. Il contenitore è biodegradabile e comunque può essere recuperato dai team dei vigili del fuoco a terra.

I contenitori hanno dimensioni standard tipo A22 imbarcabili su velivoli della classe dei C-130 e C-27J senza alcun equipaggiamento peculiare o modifiche all’aeroplano e possono essere lanciati da quote assai superiori (1.500 piedi) rispetto a quelle utilizzate dai velivoli antincendio tradizionali, aumentando in modo significativo i margini di sicurezza della missione e consentendo, tra le altre cose, anche operazioni di spegnimento notturno. Le prove, sia a terra sia in volo, sono state completate con pieno successo e confermano la grande flessibilità operativa del C-27J che, grazie alla sua ampia sezione di fusoliera e alle sue caratteristiche di volo, è in grado di gestire carichi e compiere missioni che altri velivoli della sua classe non sono in grado di effettuare.

(Ufficio Stampa Alenia Aermacchi)

Articolo scritto da JT8D il 6 Dic 2013 alle 4:32 pm.
Categorie: Industria - Tags: , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus