AIR DOLOMITI PROMUOVE LA “LECCE CITY CARD”

Air Dolomiti, Compagnia aerea italiana del Gruppo Lufthansa, collabora con Albatravel Lecce, Tour Operator leader nel settore incoming in Puglia, per la promozione della Regione ed in particolare per la diffusione della Lecce City Card. La Lecce City Card è un passepartout che permette di vivere la città di Lecce, capitale del Barocco e candidata Capitale Europea della Cultura 2019, a prezzi ancora più convenienti. In occasione del suo lancio Air Dolomiti ha fornito tariffe speciali per la creazione di pacchetti vacanza dedicati ai turisti tedeschi, che includono voli da Monaco di Baviera a Bari. La Compagnia collega infatti il capoluogo pugliese alla città bavarese tutti i giorni con due frequenze giornaliere. I pacchetti, pensati per i viaggiatori d’oltralpe, comprendono il volo, il pernottamento e la prima colazione in hotel a 4 stelle, la visita della città e la scoperta delle tradizioni pugliesi nonché la possibilità di avere la Lecce City Card.

La Lecce Card sarà distribuita a tutti i clienti tedeschi di Albatravel che avranno l’opportunità di entrare gratuitamente in alcuni musei, come il Museo Faggiano, il Museo del Teatro romano, il Museo Diocesano e il Rosso Pompeiano. Sarà inoltre possibile usufruire di sconti anche su esercizi commerciali di Lecce, Otranto e Gallipoli. Grazie a questa operazione sarà più semplice incentivare i flussi turistici e valorizzare il territorio pugliese, nonché dare la possibilità agli ospiti di orientarsi in modo rapido e agevole. La combinazione dei voli su Bari offerti da Air Dolomiti e la facilità di utilizzo della card daranno l’opportunità ai visitatori in arrivo sul capoluogo pugliese di raggiungere facilmente la città di Lecce e di ammirare e viverne le bellezze. Air Dolomiti opera su Bari da aprile 2013 con l’Embraer 195 da 120 posti.

(Ufficio Stampa Air Dolomiti)

Articolo scritto da JT8D il 20 Gen 2014 alle 6:26 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus