NEL 2013 ALITALIA CRESCE SUI MERCATI INTERNAZIONALI

Alitalia rafforza la sua presenza sul mercato internazionale e intercontinentale. Nel 2013 la compagnia ha registrato ottime performance di crescita di passeggeri sui prodotti internazionali (+3,4%). Il tasso di riempimento degli aerei (load factor) nell’anno appena concluso è infatti cresciuto di 2 punti percentuali, passando dal 72,8% del 2012 al 74,8% del 2013. In particolare, si rileva la crescita dei passeggeri di Alitalia sui voli da/per Centro-Sud America (+3,6% vs 2012), dove Alitalia collega l’Italia con quattro destinazioni (Rio de Janeiro, San Paolo, Buenos Aires, Caracas). Inoltre, grazie alla partnership con la compagnia brasiliana GOL, siglata a luglio scorso, Alitalia è in grado di offrire un ampio ventaglio di destinazioni in connessione dagli aeroporti di San Paolo e Rio de Janeiro. Ad esempio, sarà possibile raggiungere con Alitalia e GOL tutte le città del Brasile che ospiteranno le partite dei Mondiali di Calcio in programma dal 12 giugno al 13 luglio 2014 nel Paese Sudamericano.

Il Brasile è un mercato in continua crescita e Alitalia ha saputo cogliere le numerose occasioni di sviluppo. Nel 2013 Alitalia ha trasportato oltre 311.000 passeggeri, con un incremento di oltre il 6% rispetto al 2012. Oltre ai voli di linea, nell’anno, Alitalia ha programmato ed effettuato circa 1.000 voli speciali e charter per numerosi clienti nazionali e internazionali, tra i quali va ricordato proprio il volo per il Brasile di Sua Santità Papa Francesco, in occasione del suo primo Viaggio Apostolico per la celebrazione delle Giornate Mondiali della Gioventù a Rio de Janeiro dal 23 al 28 luglio.

In crescita anche il load factor dei voli da/per il Nord America (+1,6 punti percentuali, da 80% del 2012 al 81,6% del 2013), dove Alitalia opera da quattro anni in collaborazione con Delta Air Lines, Air France e KLM nella Joint Venture Transatlantica. Sei le destinazioni servite direttamente da Alitalia (New York, Boston, Miami, Toronto e le stagionali Los Angeles e Chicago) a cui si aggiungono le connessioni in code-sharing su tutto il Nord America dagli hub Delta di New York JFK, Atlanta, Detroit e Minneapolis.

Il posizionamento di Alitalia sul lungo raggio si rafforza con il riconoscimento per il miglior menù a bordo di Magnifica dei prestigiosi premi Best Airline Cuisine (quarto anno consecutivo) e Saveur Cullinary Travel Awards Best In-flight wine program, attribuito dalle riviste americane Global Traveller e Saveur. Alitalia fa volare a bordo dei suoi voli le eccellenze enogastronomiche del Paese, con menù regionali selezionati in collaborazione con Alma, la scuola di cucina di Gualtiero Marchesi, e AIS - Associazione Italiana Sommelier.

Anche sul mercato internazionale di medio raggio, nonostante la delicata situazione macroeconomica, nel 2013 Alitalia ha continuato il percorso di ampliamento del portafoglio delle rotte internazionali inaugurando nuove rotte da Roma per Praga, Bilbao, Copenaghen, Cracovia, Montpellier, Orano, London City, Podgorica e da Milano Linate per Vienna (oltre ai collegamenti da Linate per Varsavia e Praga che saranno attivi da marzo 2014). Grazie al Re-Hubbing di fine ottobre sull’aeroporto di Roma Fiumicino, ovvero la riorganizzazione e l’ottimizzazione degli orari di arrivo e partenza dei voli sul proprio hub, Alitalia offre un prodotto più competitivo con connessioni più comode sia per chi è in partenza da altri scali italiani, sia per i voli di rientro dal Nord America. Gli indicatori di questi prime settimane registrano i miglioramenti che la Compagnia si aspettava in termini di andamento dei flussi di traffico e di riempimenti dei voli. In particolare, dall’avvio del progetto ad oggi il coefficiente di riempimento dei voli da/per Roma Fiumicino è cresciuto di quasi 3 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, passando dal 66% al 69%.

(Ufficio Stampa Alitalia)

Articolo scritto da JT8D il 21 Gen 2014 alle 6:49 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags:


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus