ENAV RIDUCE LE TARIFFE SUGLI AEROPORTI ANCHE NEL 2014

ENAV, Società nazionale per l’assistenza al volo, in accordo con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, l’ENAC e l’Aeronautica Militare, riduce le tariffe di assistenza al volo sulle operazioni di aeroporto anche per il 2014. La riduzione, valida a partire dal primo gennaio 2014, si applica sulla base di un nuovo modello tariffario in linea con la Regolamentazione Comunitaria e prevede la differenziazione delle tariffe per le operazioni di aeroporto in tre fasce rispetto all’unica tariffa in vigore fino ad ora. Considerando che, senza alcun intervento, la tariffa unitaria per il 2014 sarebbe stata pari a 269,78 Euro, l’azione di ENAV comporta una riduzione rispettivamente del 27,4% sulla prima fascia, del 20,6% sulla seconda fascia e dell’8,8% sulla terza.

Le tre differenti aree tariffarie avranno le seguenti caratteristiche. Area 1: include gli aeroporti aventi un numero di movimenti superiore ai 225.000 all’anno (aeroporto di Roma Fiumicino) ai quali si applicherà una tariffa di 195,79 Euro. Area 2: include gli aeroporti con un numero di movimenti tra i 225.000 e i 70.000 (aeroporti di Milano Malpensa, Linate, Venezia Tessera) con una tariffa di 214,15 Euro. Area 3: include gli aeroporti con un numero di movimenti inferiori a 70.000 (tutti i rimanenti aeroporti attualmente soggetti a tariffazione). Tale fascia, anziché aumentare, grazie al citato utilizzo di risorse interne, resterà sui valori del 2013 a 246,05 Euro.

La riduzione delle tariffe si è resa possibile per gli ulteriori recuperi di efficienza raggiunti nel corso del 2013 dalla Società e grazie all’uso di risorse interne per oltre 24 milioni di Euro. ENAV prosegue, così, la sua azione di sostegno al settore in continuità con quanto realizzato nell’ultimo quadrimestre del 2013 che aveva visto una riduzione della tariffa di aeroporto del 25% con un risparmio di circa 20 milioni di Euro per le compagnie. “Nonostante il 2013 - ha dichiarato l’Amministratore Unico Massimo Garbini - abbia fatto registrare una profonda contrazione del numero dei voli sui nostri aeroporti rispetto al già pesante 2012, con questo ulteriore intervento strutturale sulle nostre tariffe aeroportuali, anche con nostre risorse, dimostriamo con fatti concreti la nostra capacità di supportare il sistema nazionale del trasporto aereo”.

Le tariffe per le operazioni di aeroporto vengono pagate dai vettori per avere l’assistenza al volo sia per i decolli che per gli atterraggi e si applicano per le operazioni in prossimità dell’aeroporto di provenienza e di destinazione entro un raggio di circa 20 km.

(Ufficio Stampa ENAV)

Articolo scritto da JT8D il 28 Gen 2014 alle 6:27 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Enti e Istituzioni - Tags: ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus