AIR DOLOMITI CONCLUDE L’ULTIMA FASE DELLA PROPRIA RISTRUTTURAZIONE

Entro fine estate 2014, Air Dolomiti concluderà l’ultima fase della ristrutturazione flotta iniziata a fine 2012 con la dismissione degli aeromobili ATR e che ha portato la compagnia ad operare con dieci jet Embraer 195 da 120 posti. La ristrutturazione aziendale, che nei mesi precedenti ha previsto una cessazione di parte dell’attività (vista l’uscita di tutti gli aeromobili turboelica), costringendo la Compagnia alla scelta della cassa integrazione per una parte del personale navigante, si conclude con un ridimensionamento della forza lavoro del reparto manutenzione. L’uscita di una flotta completa quale quella dell’ATR, nonché la concentrazione su un’unica tipologia di moderni aeromobili Embraer 195, comporta, quale conseguenza inevitabile, la riduzione del lavoro nei reparti preposti alle attività tecniche e manutentive. La Compagnia si sta già adoperando con le rappresentanze sindacali con le quali ha aperto un dialogo costruttivo per trovare la soluzione migliore per la parte di personale tecnico, comunque minoritaria, che dovrà affrontare questo delicato momento.

Tale decisione è una conclusione imprescindibile dovuta alla cessazione di un ramo d’azienda. Scelta obbligata per la Compagnia che a causa della pesante crisi economica del settore aereo, si è vista costretta ad aumentare la competitività riducendo i costi fissi e i costi operativi con aeromobili più moderni e con una maggiore efficienza dei consumi. Nonostante la Compagnia abbia ridotto la forza lavoro, sin dalla prima fase di ristrutturazione, si è adoperata per contenere i disagi ed assistere al meglio il personale navigante, facilitando con proattività il contatto con altre compagnie aeree; un impegno che ha individuato reali opportunità di reimpiego, attraverso colloqui di lavoro con prestigiosi partner internazionali. A conferma di ciò, il 50% delle persone coinvolte hanno già trovato una nuova occupazione, prova degli elevati standard professionali dei piloti dell’azienda. Air Dolomiti ha snellito la propria flotta ma, grazie all’impiego di aeromobili più grandi edefficienti, il numero di posti a sedere è rimasto immutato; nonostante questa ristrutturazione la Compagnia ha chiuso il 2013 con un aumento dei passeggeri trasportati, con costi unitari ridotti, confermandosi oggi la terza compagnia aerea italiana per numero di passeggeri e prima compagnia internazionale all’aeroporto di Monaco di Baviera per numero di passeggeri e movimenti nel mese di ottobre. L’introduzione dei nuovi velivoli, aerei all’avanguardia di ultimissima generazione, ha portato l’età media della flotta a 2,9 anni.

Air Dolomiti opera oggi con una flotta omogenea in modo decisamente più efficiente. I moderni jet Embraer sono aerei molto più silenziosi e confortevoli e hanno una gestione più efficiente dei consumi, con vantaggi tangibili per i passeggeri. La trasformazione da una piccola compagnia regionale in una realtà forte e stabile è ora avvenuta con successo. Fin dall’inizio Air Dolomiti si è caratterizzata in quanto compagnia aerea con una particolare cultura d’impresa, facendo presto di affidabilità, efficienza e forte orientamento al cliente il suo elemento distintivo. Ogni sforzo è orientato alla soddisfazione totale dei passeggeri, nonostante l’attuale crisi economica in Italia. Air Dolomiti oggi sente il dovere di garantire un servizio regolare e puntuale, con collegamenti aerei plurigiornalieri, in qualità di ambasciatrice dello stile di vita italiano nel gruppo Lufthansa affrontando un mercato sempre più competitivo con fiducia e risolutezza.

(Ufficio Stampa Air Dolomiti)

Articolo scritto da JT8D il 5 Feb 2014 alle 8:16 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags:


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus