INCONTRO ENAC-HANDLER: TAVOLO TECNICO PER LA RAZIONALIZZAZIONE DEL SETTORE

Si è svolta questa mattina, presso la Direzione Generale dell’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile, una giornata di studio sul settore handling, servizi di assistenza a terra negli aeroporti, in un contesto di liberalizzazione del mercato che vede però una flessione del traffico aereo con la conseguente riduzione della domanda dei servizi. Hanno partecipato all’incontro varie associazioni del comparto, tra cui Assaeroporti, Assaereo, Assohandlers, Assocatering e Ibar. La relazione introduttiva è stata presentata dal Direttore Centrale Coordinamento Aeroporti, Giuseppe Daniele Carrabba, seguita da un intervento del Direttore Centrale Sviluppo Economico Fabio Marchiandi. Dai dati 2013, sono 18 gli aeroporti nazionali, con traffico pari o superiore a 2 milioni di passeggeri, aperti alla concorrenza per il servizio di assistenza a terra. L’Italia è stato uno dei primi Paesi ad adottare un proprio regolamento, nel 2007, basato sulla direttiva comunitaria UE 96/67.

Attualmente, la Commissione Europea sta lavorando per l’adozione di un regolamento in sostituzione della vigente direttiva. La normativa comunitaria in corso di elaborazione prevede dei requisiti per il conseguimento dell’idoneità che coincidono, in larga parte, con quelli già prescritti dalla regolamentazione nazionale adottata dall’Enac. L’apertura del mercato dell’handling, anche se caratterizzato da una notevole frammentazione, si può considerare pienamente realizzata. Attualmente, infatti, in Italia esistono 216 società di handling certificate in base al Regolamento Enac e alla Circolare applicativa del 2007 per il riordino, di carattere regolamentare e procedurale, delle attività finalizzate al riconoscimento dell’idoneità dei prestatori dei servizi aeroportuali di assistenza a terra. Di contro, l’intero sistema evidenzia una flessione in termini di giro di affari e redditività, causata dalla riduzione dei movimenti degli aeromobili per la sfavorevole congiuntura economica e la conseguente intensa competizione basata sul prezzo delle tariffe offerte. Molte delle aziende hanno in corso procedure per la gestione di crisi aziendali, attraverso gli ammortizzatori sociali, e gli scenari occupazionali futuri appaiono fortemente critici.

Dalla giornata, a seguito di un dibattito molto partecipato, è emersa, su indicazione del Presidente dell’Enac Vito Riggio, la proposta di costituire un tavolo tecnico ristretto composto dai rappresentati delle associazioni invitate a questo incontro. Il fine è quello di elaborare un documento che verrà presentato entro la metà di aprile, che fotografi esattamente la situazione del mercato e la solidità economica delle società che vi operano, per la razionalizzazione immediata e il miglioramento della qualità dei sevizi nell’interesse dei passeggeri. Dal tavolo tecnico dovranno anche emergere soluzioni concrete per standardizzare ed efficientare il comparto, nel rispetto delle previsioni regolamentari, per evitare una possibile concorrenza sleale. Il Presidente Vito Riggio, che ha promosso l’iniziativa e partecipato all’incontro, ha evidenziato: “Gli handler costituiscono un elemento importante nel sistema del trasporto aereo per i servizi che devono rendere nel rispetto dei parametri di sicurezza, intesa sia come safety, sia come security. Ritengo sia stata molto importante questa giornata di studio per delineare gli elementi essenziali di miglioramento, con il fine di coniugare la liberalizzazione del settore, la flessione del mercato e la necessità di offrire sempre un servizio con elevati standard di sicurezza, nell’interesse dei passeggeri”.

(Ufficio Stampa ENAC)

Articolo scritto da JT8D il 12 Feb 2014 alle 6:22 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Enti e Istituzioni - Tags: ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus