AIRBERLIN RADDOPPIA LA FREQUENZA DEL VOLO BERLINO-ABU DHABI

airberlin, la seconda compagnia aerea più grande della Germania , introdurrà un secondo volo giornaliero tra Berlino e Abu Dhabi a partire dal 26 ottobre 2014, basandosi sulla sua partnership con Etihad Airways, la compagnia di bandiera degli Emirati Arabi Uniti. Le due compagnie inoltre espanderanno il loro accordo di codeshare da metà febbraio, con i passeggeri airberlin in grado di prenotare i voli verso sei destinazioni indiane servite da Etihad Airways: Nuova Delhi, Mumbai, Cochin, Chennai, Hyderabad e Bangalore. I viaggiatori in India beneficeranno inoltre di opzioni di connessione migliorate all’interno del network di rotte airberlin, con varie destinazioni in tutta Europa, quali Copenhagen, Cracovia, Stoccolma e Varsavia.

La tratta Berlino-Abu Dhabi di airberlin, operata dal gennaio 2012, costituisce l’unico collegamento diretto tra la capitale della Germania e gli Emirati Arabi Uniti. E’ operata con un aeromobile Airbus A330-200 con 19 posti Full Flat Business Class e 279 posti in Economy Class. Come conseguenza della frequenza maggiore, airberlin ed Etihad Airways opereranno un totale di 56 voli settimanali tra la Germania e gli Emirati Arabi Uniti, comprese le connessioni double daily da Berlino, Dusseldorf, Francoforte e Monaco. Il programma è stato ottimizzato per fornire la massima connettività al network Etihad Airways, aumentando la connettività bidirezionale da 19 a 43 destinazioni con Etihad Airways via Abu Dhabi per la regione del Golfo Persico, così come il Nord Asia (Pechino, Shanghai, Tokyo Narita), Sud-Est Asiatico (Kuala Lumpur, Jakarta), Australia (Sydney, Melbourne, Brisbane), e sei destinazioni in India. Inoltre, airberlin sta progettando di includere Perth e Seoul nel suo schedule, attraverso un expanded codeshare con Etihad Airways.

(Ufficio Stampa Etihad Airways - airberlin)

Articolo scritto da JT8D il 14 Feb 2014 alle 5:59 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus