FINNAIR ANNUNCIA LA NUOVA ROTTA NON STOP VERSO MIAMI

Finnair annuncia l’apertura della nuova rotta stagionale fra Helsinki e Miami Florida. Il nuovo volo, operato con aeromobili Airbus A340 con la classica configurazione nelle due classi Business ed Economy, inizierà il 16 dicembre 2014 e sarà in servizio fino al 21 marzo 2015. Il volo partirà da Helsinki ogni martedì e giovedì alle 09:55 permettendo così di arrivare a Miami alle 14:05 ora locale. Il ritorno da Miami decollerà alle ore 16.00 per arrivare a Helsinki alle 08:50 ora locale il giorno successivo. A partire dal 3 gennaio 2015 ci sarà un terzo operativo settimanale, fissato per il sabato. “Miami è una meta molto popolare che fino ad oggi abbiamo offerto in code share con i nostri partner. Pensiamo che sia arrivato il momento giusto per proporre ai nostri passeggeri un volo diretto per la prossima stagione invernale”, afferma il CEO di Finnair Pekka Vauramo. “I finlandesi amano Miami e la Florida meridionale e vi è una considerevole comunità finlandese espatriata nello stato. Questa nuova rotta diretta ci dà anche l’opportunità di incrementare i viaggi e l’interesse dei turisti americani verso la Finlandia e la Lapponia come mete esotiche del turismo invernale”.

La rotta tra Helsinki e Miami rientrerà nel traffico intercontinentale dell’alleanza Oneworld con i partner American Airlines, British Airways e Iberia. Miami è al centro della più grande area urbana nel sud degli Stati Uniti. La città non è solo famosa per le sue spiagge, ma anche per le attività sportive, le attrazioni culturali e la vita notturna. Miami è anche un importante centro commerciale e finanziario degli Stati Uniti ed è considerato come un gateway economico e culturale tra Nord e Sud America. Per informazioni e prenotazioni visitare il sito www.finnair.it o chiamare il call center al numero 199.4000.99.

(Ufficio Stampa Finnair)

Articolo scritto da JT8D il 25 Feb 2014 alle 6:36 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus