AIRASIA INDIA PRENDE IN CONSEGNA IL SUO PRIMO A320

AirAsia India, nuova compagnia indiana, ha preso in consegna il suo primo aereo, un Airbus A320 dotato di Sharklets, diventando un nuovo operatore di questo modello. La compagnia, basata a Chennai, prenderà in consegna altri nove velivoli, per la sua flotta iniziale di 10 A320, in modo da supportare la rapida crescita del traffico aereo nazionale in India. Dotato di motori CFM, l’aeromobile è configurato con un layout full-economy da 180 posti. La nuova compagnia aerea è una joint venture tra AirAsia Group, Tata Sons e Telstra TradePlace. “Il traffico interno indiano sta crescendo a un ritmo impressionante e il nostro modello di business ben consolidato e di successo si adatta al mercato”, ha dichiarato Mittu Chandilya, CEO AirAsia India. “AirAsia e Airbus hanno un rapporto speciale da molto tempo. Siamo pienamente fiduciosi che con la nostra nuova flotta A320 forniremo ai passeggeri indiani il servizio e le opzioni di viaggio convenienti già offerte dal Gruppo AirAsia altrove nella regione”.

“Nei prossimi 20 anni, sempre più persone viaggeranno in aereo per la prima volta in India e in Cina rispetto ad altri luoghi”, ha dichiarato John Leahy, Chief Operating Officer, Customers. “La crescita interna del trasporto aereo dell’India sta spingendo l’India a diventare uno dei più grandi mercati dell’aviazione civile entro il 2032. Il lancio di AirAsia India riflette questo potenziale di crescita”. La flotta di AirAsia India sarà disegnata patendo da 475 aeromobili della Famiglia A320 ordinati dal Gruppo AirAsia. Ad oggi, quasi un terzo dei velivoli su ordinazione sono già stati consegnati e sono in volo nelle operazioni di AirAsia Group a Kuala Lumpur, Bangkok, Jakarta, Manila e ora Chennai. Il Gruppo AirAsia ha anche ordinato 51 A330 e 10 A350 XWB per la sua affiliata lungo raggio AirAsia X.

(Ufficio Stampa Airbus)

Articolo scritto da JT8D il 22 Mar 2014 alle 11:56 am.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze, Industria - Tags: , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus