AEROPORTO DI BOLOGNA: I SOCI PUBBLICI HANNO PRESENTATO L’OBIETTIVO DI QUOTAZIONE IN BORSA

Si apre una nuova fase per l’Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna. Camera di commercio di Bologna, Comune di Bologna, Provincia di Bologna e Regione Emilia-Romagna hanno convenuto di iniziare il percorso verso la quotazione in Borsa della società. L’obiettivo è quello di procedere mediante un’offerta pubblica di vendita e sottoscrizione che consenta di realizzare un aumento di capitale per un valore di circa 30 milioni di euro funzionale alla realizzazione del piano industriale ed allo sviluppo dello scalo aeroportuale. I rappresentanti dei soci pubblici della società Aeroporto Guglielmo Marconi spa - Giorgio Tabellini, presidente della Camera di commercio di Bologna, Virginio Merola, Sindaco di Bologna, Beatrice Draghetti, Presidente della Provincia di Bologna ed Alfredo Peri, Assessore alla mobilità e trasporti della Regione Emilia-Romagna, hanno a tal riguardo congiuntamente dichiarato:

“L’Aeroporto di Bologna è uno dei maggiori scali italiani per numero di passeggeri e di destinazioni servite. Le sue possibilità di crescita si traducono nella forza di un’area di riferimento che copre oltre dieci milioni di persone. Il Marconi sta completando un piano di investimenti da 65 milioni di euro che ha realizzato in completa autonomia finanziaria e con piena e costante solidità economica e patrimoniale. E’ pertanto il momento di dare un nuovo impulso all’infrastruttura rafforzandone la patrimonializzazione mediante il ricorso al Mercato dei Capitali che consentirà, in modo aperto e trasparente, l’ingresso di un azionariato - anche diffuso - che certamente favorirà le potenzialità di crescita che l’Aeroporto di Bologna è in grado di esprimere per essere anche protagonista nel panorama aeroportuale italiano”.

(Ufficio Stampa Camera di Commercio Bologna - Aeroporto di Bologna)

Articolo scritto da JT8D il 29 Apr 2014 alle 5:34 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Enti e Istituzioni - Tags: ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus