AIR FRANCE: DA OGGI LE TARIFFE “MiNi” SONO DISPONIBILI DA TUTTA ITALIA

Da oggi, 23 luglio 2014, le tariffe «MiNi» per Parigi sono disponibili anche in partenza da Milano. Da tutti gli scali italiani, sui voli operati da Air France, è quindi possibile volare nella Ville Lumière usufruendo di prezzi ridotti tutto l’anno. Da oggi, e per tutti i giorni dell’anno, i passeggeri di Air France, in partenza per Parigi dai 9 aeroporti italiani serviti da Air France, possono scegliere di acquistare, oltre alla tariffa Classic tutto incluso, la tariffa MiNi, un prodotto semplificato ad un prezzo più che conveniente che permette di organizzare il proprio viaggio «à la carte», secondo le proprie necessità. A terra e a bordo tutti i clienti, sia con tariffa Classic che con tariffa MiNi, avranno le medesime prestazioni (una vasta scelta di servizi digitali a casa ed in aeroporto, mentre in volo distribuzione di giornali locali ed internazionali, snack e bevande, un bagaglio a mano di 12 kg). La tariffa MiNi non comprende il bagaglio in stiva, non prevede l’accumulo Miglia Flying Blue e non dà la possibilità di scegliere il posto a bordo prima del check-in.

I titolari delle carte Flying Blue Elite (Silver, Gold e Platinum) continueranno a beneficiare del bagaglio in stiva gratuito, anche se acquistano una tariffa MiNi. Le tariffe MiNi sono combinabili con le tariffe Classic. I passeggeri potranno quindi costruire il loro viaggio su misura acquistando, ad esempio, una tariffa MiNI all’andata ed una Classic per il ritorno, nel caso desiderino imbarcare un bagaglio in stiva solo per una tratta. Anche se in possesso di una tariffa MiNI, i passeggeri potranno decidere di acquistare la possibilità di registrare un bagaglio in stiva di 23 kg sia sul sito airfrance.it, sia presso un agente di viaggio con un supplemento di 15€. Se acquistato in aeroporto, il costo sarà di 30€.

(Ufficio Stampa Air France)

Articolo scritto da JT8D il 23 Lug 2014 alle 5:43 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags:


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus