IL GRUPPO AIR FRANCE-KLM PRESENTA IL PIANO STRATEGICO PERFORM 2020

Il Gruppo Air France-KLM ha presentato oggi il suo piano strategico Perform 2020. Il Presidente e Amministratore Delegato del Gruppo, Alexandre de Juniac, ha formulato le seguenti osservazioni: “Transform 2015 sarà completato entro la fine dell’anno dopo aver pienamente reso il suo obiettivo di migliorare in modo significativo la competitività del Gruppo con una riduzione dei costi. Perform 2020, il piano strategico che stiamo lanciando oggi, sarà supportato da due leve principali: la crescita, che stiamo cercando di catturare in una serie di settori, e la competitività in combinazione con la disciplina finanziaria, che dovrebbe continuare ad assicurare solide basi per lo sviluppo di Air France-KLM. Questo è il motivo per cui le iniziative ambiziose che lanciamo oggi andranno di pari passo con il raddoppio degli sforzi per ridurre i costi e la ristrutturazione delle attività che restano in perdita.

Entro il 2020, avremo costruito un gruppo di trasporto aereo focalizzato su uno dei principali network di lungo raggio nel cuore di alleanze globali, con un portafoglio di marchi unici, ristrutturati nelle operazioni di breve e medio raggio, con una presenza rafforzata nel segmento a basso costo in Europa, con posizione di leadership nel cargo, manutenzione e catering, con un profilo di rischio significativamente migliorato”.

In un contesto che resta difficile, ma con opportunità di crescita redditizia in tutti i mercati del Gruppo, Air France-KLM prevede di rafforzare i suoi punti di forza, vale a dire la sua rete, i suoi prodotti e servizi. A livello operativo, Perform 2020 rifletterà i seguenti punti principali. Lo sviluppo del business hub passeggeri sulla base di un’offerta di prodotto aggiornato, una maggiore attenzione al cliente e un forte posizionamento dei marchi. La crescita della capacità del Gruppo dovrebbe essere circa dall’1% al 1,5% per il periodo 2015-2017. Il Gruppo continuerà a ristrutturare le sue operazioni point-to-point, mirando a un ritorno al pareggio operativo entro il 2017. Oltre al pieno impatto delle misure avviate nel 2013, questo obiettivo sarà raggiunto grazie alle nuove iniziative di ristrutturazione della rete e alla riduzione dei costi, insieme alla creazione di una singola unità di business combinando HOP! e le operazioni point-to-point di Air France.

Lo sviluppo accelerato di Air France-KLM nel mercato europeo leisure, con il marchio Transavia, sulla base delle due società esistenti - Transavia France e Transavia Netherlands - e le nuove basi da creare in altri paesi europei. In un mercato in crescita, il Gruppo prevede di costruire una crescita sui risultati conseguiti nel quadro di Transform 2015. Entro il 2017, Transavia si collocherà tra i principali vettori low cost in Europa, con una flotta di 100 aerei che trasporteranno più di 20 milioni di passeggeri.

Il completamento del riposizionamento del cargo: una significativa riduzione della flotta full-cargo, da 14 aeromobili in servizio nel 2013 a 5 aeromobili alla fine del 2016, dovrebbe consentire a questa attività di tornare al pareggio operativo nel 2017. Il gruppo manterrà una piccola flotta full-cargo come un’importante leva commerciale per sostenere il suo settore belly hold cargo. Il gruppo rimarrà un player importante nel settore cargo europeo grazie al suo vasto belly network, ma con esposizione residua molto limitata.

Il gruppo farà leva sull’approccio strutturato attuato nel quadro di Transform 2015 per mantenere la riduzione dei costi. Ciò comporterà la ristrutturazione in corso delle attività non competitive e una revisione sistematica dei processi. Come risultato di tutte queste iniziative, Air France-KLM si è posta i seguenti obiettivi finanziari del Gruppo: EBITDAR in crescita dall’8% al 10% tra il 2013 e il 2017, un adjusted net debt/EBITDAR ratio al di sotto del 2,5 nel 2017.

(Ufficio Stampa Air France-KLM)

Articolo scritto da JT8D il 11 Set 2014 alle 6:24 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus