IL MOTORE CFM LEAP PROSEGUE CON SUCCESSO I TEST DI CERTIFICAZIONE

Il motore LEAP di CFM International sta ottenendo ottimi risultati nei test a terra e in volo, durante il percorso verso la certificazione del motore e le prove in volo sull’ Airbus A320neo e sul COMAC C919 nel 2015. Il motore ha volato per la prima volta il 6 ottobre su un 747 flying testbed presso GE Aviation Flight Test Operations in Victorville, California, e ha finora completato più di 75 ore totali di prove di volo. “Questo motore si sta comportando ben oltre le nostre aspettative”, ha dichiarato Jean-Paul Ebanga, presidente e CEO di CFM. “I risultati che stiamo ottenendo su tutta la linea sono eccezionali e rafforzano non solo le scelte tecnologiche che abbiamo fatto, ma anche la considerazione che abbiamo raccolto dalle compagnie aeree di tutto il mondo. Non potremmo essere più felici del punto in cui è questo programma oggi”.

CFM ha attualmente in esecuzione il più vasto programma di ground e flight test per la certificazione nella sua storia. Il programma totale, che comprende tutte e tre le varianti di motore LEAP, comprende 28 ground e CFM flight test engines, con un totale di 32 flight test engines per Airbus, Boeing e COMAC. Il motore ha completato con successo più di 2600 cicli su molti dei test più esigenti, tra cui early icing, cross wind, bird ingestion, emissioni, rumorosità, early endurance testing. Anche se tutte e tre le varianti di motore LEAP voleranno sul testbed, la configurazione attualmente in fase di sperimentazione è un fully integrated propulsion system (IPS). Questo IPS è una novità assoluta e unica per il LEAP-1C. CFM fornisce il motore, come le nacelle e i reverse sviluppati da Nexcelle. Questi elementi, incluso il pilone fornito da COMAC, sono stati progettati in combinazione tra loro, risultando un sistema completo che fornisce migliore aerodinamica, peso minore e più facile manutenzione.

(Ufficio Stampa CFM International)

Articolo scritto da JT8D il 11 Nov 2014 alle 6:51 pm.
Categorie: Industria - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus