LUFTHANSA PROSEGUE LO STUDIO DELLA QUALITA’ DELL’ARIA IN CABINA ANCHE SUI VOLI A CORTO RAGGIO

Dopo aver effettuato una vasta serie di test dell’aria in cabina sui suoi Airbus A380, Lufthansa sta ora estendendo lo studio su un modello a corto raggio, l’ Airbus A321. Hannover Medical School (MMH) rimane il partner scientifico. Il programma è stato lanciato sulla rotta Francoforte-Marrakech, durerà fino a marzo del prossimo anno e comprenderà misure su un totale di 44 voli in Europa. “Ci siamo impegnati sulla qualità dell’aria in cabina da molti anni, non c’è altra compagnia aerea al mondo che affronta in modo completo e coerente, come facciamo noi, questo argomento. Il kit di misurazione, sviluppato congiuntamente da Lufthansa Technik e Hannover Medical School, ci consente un approccio completamente nuovo”, dice Kay Kratky, membro del Lufthansa German Airlines Board e responsabile per le operazioni e l’hub di Francoforte.

La serie di test sull’ Airbus A380 ha incluso circa 800 ore di misurazioni e ha confermato che non vi era “alcun inquinamento chimico evidente”. Anche quando sono stati segnalati odori insoliti, nessuna traccia di inquinamento dell’aria è stata misurata. Né limiti nazionali né internazionali in materia di qualità dell’aria in ambienti chiusi e posti di lavoro sono stati superati a bordo. Tutte le misure rilevanti raccolte in operazioni di volo regolari erano sostanzialmente sotto di questi limiti e non c’era traccia di neurotossina ortho-tricresyl phosphate - TCP. “Complessivamente la concentrazione di organofosfati era molto bassa”, riassume Wolfgang Rosenberger dell’Institute for Occupational and Environmental Medicine at MMH. “Vorrei sottolineare che abbiamo condotto un’analisi specifica congenere proprio su quei TCP contenuti nell’olio dei propulsori jet. Dei dieci possibili isomeri TCP, non abbiamo visto nessuna delle orto-TCP considerate neurotossiche, con una soglia di rilevamento inferiore a 1 ng / m³.”

In generale, il kit di misurazione identifica e quantifica circa 200 sostanze che possono essere nell’aria in cabina. Un data logger registra continuamente i dati climatici, come la temperatura, la pressione dell’aria e l’umidità, mentre un aerosolspectrometer misura i livelli di polvere. Altri componenti del kit di misurazione servono a monitorare biossido di carbonio, monossido di carbonio, ozono e composti organici volatili (VOC). I campioni sono anche attivamente prelevati e poi analizzati in laboratorio, per esaminare più di 150 VOC e 15 altri aldeidi, come formaldeide, acetaldeide e hexanaldehyde e19 organofosfati come TCP. Inoltre, un’analisi di screening è stata usata per identificare sostanze sconosciute nell’aria in cabina. Il kit di misurazione è installato nel cockpit durante il volo, ma la stessa aria viene fornita a tutta la cabina dell’aeromobile, quindi le misurazioni sono rappresentative della qualità dell’aria complessiva dell’aeromobile.

(Ufficio Stampa Deutsche Lufthansa AG)

Articolo scritto da JT8D il 20 Nov 2014 alle 7:21 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags:


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus