WI-FI A BORDO PER AIRBERLIN

airberlinairberlin Group ha dotato i primi due aerei della flotta del nuovo servizio Wi-Fi “airberlin connect”. Si tratta di due Airbus A320, con i codici D-ABNJ e OE-LEL, attrezzati ora con il sistema Wi-Fi prodotto dalla Panasonic Avionics Corporation che consente ai passeggeri di accedere a internet dal proprio smartphone, tablet o computer laptop. Grazie al nuovo servizio Wi-Fi, i passeggeri delle tratte a breve e media percorrenza avranno inoltre a disposizione un’offerta di svago comprendente serie TV, film e musica, anch’essa usufruibile con il proprio dispositivo mobile. I passeggeri potranno scegliere tra un totale di 180 ore di programma personalizzandolo a piacere. Sul lungo raggio si continuerà ad utilizzare il sistema In-Seat Entertainment System RAVE.

“Grazie al nuovo servizio Wi-Fi offerto da airberlin, i nostri clienti potranno stare online anche durante il volo e tenersi in contatto con la famiglia, gli amici e i partner in affari. Estenderemo progressivamente il servizio a quasi la totalità della flotta. airberlin è la prima compagnia aerea tedesca ad offrire l’accesso a internet non solo sui voli a lungo raggio, ma anche sulle tratte a breve e media distanza. Siamo molto felici di poter offrire ai nostri clienti, in collaborazione con Panasonic, un prodotto Wi-Fi innovativo che valorizza ancor più il comfort a bordo dei nostri aerei”, dichiara Wolfgang Prock-Schauer, Chief Executive Officer airberlin.

Secondo Paul Margis, Presidente e Chief Executive Officer della Panasonic Avionics Corporation, “il Wi-Fi è parte integrante dell’esperienza a bordo, perché i viaggiatori al giorno d’oggi desiderano essere costantemente online. Le compagnie aeree, del resto, vogliono utilizzare questo servizio per migliorare l’efficienza operativa. Siamo onorati di poter collaborare con airberlin e di offrire in questo contesto una soluzione che soddisfa le particolarissime esigenze tecnologiche e operative della compagnia. Preferendo il nostro sistema eXConnect, airberlin ha scelto il servizio a banda larga più performante, scalabile e indipendente dalla piattaforma attualmente presente sul mercato”.

I primi due aerei dotati di sistema airberlin connect opereranno sulle nuove tratte Stoccarda-Abu Dhabi e Vienna-Abu Dhabi.Il primo volo da Stoccarda con destinazione Abu Dhabi partirà il 1° dicembre 2014 e offrirà per la prima volta ai passeggeri di questa rotta l’utilizzo di internet in volo. Sul nuovo collegamento operato dall’affiliata austriaca NIKI tra Vienna e Abu Dhabi i clienti potranno usufruire del nuovo servizio Wi-Fi a bordo già dal 24 Novembre.

Per l’utilizzo del servizio airberlin connect, la compagnia propone diversi pacchetti dati o a tempo. Già a partire da 4,90 euro i clienti potranno stare online sopra le nuvole per 30 minuti con 20 MB di traffico dati incluso. Un’ora di accesso a internet con 50 MB di traffico incluso costerà 8,90 euro. Sono compresi nella tariffa i programmi di intrattenimento, disponibili per l’intera durata del volo senza costi supplementari anche una volta scaduto il pacchetto dati o a tempo. I passeggeri delle tratte a media distanza che desiderino essere online per l’intera durata del volo potranno scegliere il pacchetto “Full Flight” con 90 MB di traffico dati incluso a 13,90 euro, mentre sul lungo raggio il pacchetto sarà proposto a 18,90 euro con 120 MB di traffico dati. Il pagamento si effettua comodamente con carta di credito tramite il browser web del proprio dispositivo mobile o del computer laptop.

Sulle nuove tratte Stoccarda-Abu Dhabi e Vienna-Abu Dhabi tutti i passeggeri potranno usufruire gratuitamente dei programmi di intrattenimento airberlin connect. L’utilizzo di internet per l’intera durata del volo da o per Abu Dhabi costerà 13,90 euro inclusi 90 MB di traffico dati. airberlin prevede di completare la dotazione della flotta entro tre anni.

(Comunicato stampa airberlin)

Articolo scritto da mcgyver79 il 21 Nov 2014 alle 3:41 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus