IL COMITATO SULLO STATE SAFETY PROGRAMME ITALIANO APPROVA LA SECONDA EDIZIONE DEL PROGRAMMA NAZIONALE PER LA SAFETY DELL’AVIAZIONE CIVILE

Il 17 dicembre scorso si è tenuta una riunione del Comitato sullo State Safety Programme italiano, costituto dai vertici dell’ENAC, dell’Agenzia Nazionale Sicurezza del Volo (ANSV), del Dipartimento dei Trasporti del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, dell’ENAV, dell’Aeroclub d’Italia e del Capo Ispettorato Sicurezza Volo dell’Aeronautica Militare. L’incontro è stato finalizzato a discutere e approvare la seconda edizione del “Programma Nazionale per la Safety dell’Aviazione Civile” (State Safety Programme - Italy o SSP-Italy), che verrà pubblicata agli inizi del prossimo anno sui siti web delle Istituzioni e delle organizzazioni che fanno parte del Comitato. La nuova edizione, che si è rinnovata anche nella veste grafica, si caratterizza rispetto alla versione originale per una serie di modifiche sostanziali che rendono il documento pienamente aderente agli standard previsti nell’Annesso 19 dell’ICAO, entrato in vigore nel novembre 2013.

In particolare si segnala l’individuazione di alcuni indicatori di sicurezza (Safety Performance Indicators) e l’introduzione dei concetti di Performance Base Oversight (PBO), ovvero dell’attività di sorveglianza basata non sulla semplice verifica del rispetto dei requisiti normativi, ma anche delle “prestazioni di safety” raggiunte dalle organizzazioni. L’approvazione di questa seconda edizione è uno passo importante anche in vista della partecipazione alla High Level Safety Conference dell’ICAO, che si terrà a Montreal dal 2 al 5 febbraio 2015, in quanto permetterà alla delegazione italiana di presenziare alla conferenza forte della consapevolezza di essere pienamente allineati agli standard più avanzati in materia di safety del trasporto aereo.

(Ufficio Stampa ENAC)

Articolo scritto da JT8D il 19 Dic 2014 alle 4:55 pm.
Categorie: Aeronautica, Enti e Istituzioni - Tags: ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus