AMERICAN AIRLINES RICEVE L’APPROVAZIONE PER IL NUOVO SERVIZIO TRA DALLAS E PECHINO

American Airlines inizierà ad operare il nuovo collegamento giornaliero tra il Dallas / Fort Worth International Airport (DFW) e il Beijing Capital International Airport (PEK) il 7 maggio, segnando il sesto volo giornaliero della compagnia aerea in Asia da DFW e l’unico volo non stop tra DFW e Pechino . Con l’aggiunta di questo servizio, American offrirà 11 rotte tra gli Stati Uniti e l’Asia. I clienti possono iniziare a prenotare i voli sulla nuova rotta da Sabato 24 Gennaio. “La regione Asia-Pacifico è un mercato chiave per American e vorremmo ringraziare la Civil Aviation Administration of China (CAAC) e il Dipartimento dei Trasporti statunitense per averci concesso il permesso di operare questo importantissimo servizio”, ha dichiarato Andrew Nocella, chief Marketing Officer di American. “Questa nuova rotta offre ai nostri clienti un accesso diretto tra questi due mercati chiave per la prima volta, e fornirà ai clienti centinaia di opportunità di collegamento per destinazioni in tutto il mondo”.

Il nuovo volo da DFW integrerà il servizio esistente American dal Chicago O’Hare International Airport (ORD) a Pechino. Con l’aggiunta di Pechino, American offrirà il servizio non-stop da Dallas / Fort Worth verso cinque mercati chiave in Asia: Pechino, Hong Kong, Seoul, Shanghai e Tokyo. Il servizio tra DFW e Pechino sarà operato con un con un Boeing 777-200. La compagnia aerea sta retrofittando tutti i 47 suoi 777-200 per aggiornare le cabine e migliorare l’esperienza sui voli internazionali. Il retrofit sul 777-200 dispone di un prodotto di Business Class progettato appositamente per i clienti American, con un sedile completamente reclinabile, accesso diretto al corridoio e private flying experience. Gli interni moderni comprendono un walk-up bar.

(Ufficio Stampa American Airlines Group)

Articolo scritto da JT8D il 24 Gen 2015 alle 2:14 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus