AMERICAN AIRLINES ANNUNCIA LE PRIME ROTTE DEL 787 DREAMLINER

American Airlines inizierà i servizi domestici con il Boeing 787 Dreamliner in maggio e il servizio internazionale a giugno. Il 787 inizialmente sarà schierato tra il Dallas / Fort Worth International Airport (DFW) e il Chicago O’Hare International Airport (ORD), a partire dal 7 maggio, prima di lanciare il servizio internazionale tra DFW e il Beijing Capital International Airport (PEK), iniziando dal 2 giugno Il nuovo velivolo opererà anche tra DFW e il Ministro Pistarini International Airport (EZE) a Buenos Aires, a partire dal 4 giugno. I clienti possono iniziare a prenotare i voli con il 787 a partire da Sabato 14 Febbraio. American opererà il 787 su altri mercati nel 2015, con la consegna di nuovi aeromobili.

“Non vediamo l’ora di dare il benvenuto ai nostri clienti internazionali a bordo del 787, con i suoi moderni servizi e comfort, a partire questa estate”, ha dichiarato Andrew Nocella, Chief Marketing Officer di American. “Aggiungere il 787 Dreamliner al nostro network ci offre l’opportunità di aumentare la nostra efficienza sui voli a lungo raggio in tutto il mondo e, potenzialmente, aprire nuovi mercati nel nostro network. Si tratta di una grande vittoria per i clienti e solo l’ultimo esempio di come American sta diventando grande”.

American ha ordini fermi per 42 Boeing 787, con diritti di acquisto per ulteriori 58 aerei. American ha già la più giovane flotta tra i global network carriers degli Stati Uniti, con un’età media degli aeromobili di 12,3 anni. Nel 2015, American prevede di prendere in consegna una media di due nuovi aeromobili a settimana. Queste nuove consegne renderanno la flotta American ancora più giovane, più moderna e più efficiente, fornendo una solida base per i continui miglioramenti nella tecnologia, nei prodotti e nei servizi.

(Ufficio Stampa American Airlines Group)

Articolo scritto da JT8D il 13 Feb 2015 alle 5:23 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus