EMIRATES: 6 MILIONI DI DOLLARI INVESTITI IN FORMAZIONE ED EQUIPAGGIAMENTO IN CASO DI EMERGENZA MEDICA A BORDO

Se si verifica una emergenza medica a bordo di un volo, l’equipaggio fornisce immediatamente assistenza, e in alcuni casi è necessaria una diversione verso l’aeroporto più vicino per le cure mediche. È per questo che Emirates ha investito più di 6 milioni di dollari nella installazione e manutenzione delle sue attrezzature mediche a bordo, e migliaia di ore di formazione ogni anno, al fine di garantire che il suo equipaggio sia in grado di agire efficacemente in caso di emergenze mediche a bordo. Durante il 2014, Emirates ha effettuato un totale di 33.430 ore di formazione medica per equipaggi di cabina e piloti, assicurandosi che siano formati e equipaggiati per fornire il giusto sostegno ai passeggeri a bordo.

Tutto l’equipaggio di cabina Emirates passa attraverso un programma completo di formazione iniziale, che è richiesto dalla UAE General Civil Aviation Authority, nonché la formazione specifica supplementare per l’utilizzo a bordo di attrezzature mediche. Questo include sia elementi pratici che teorici. La formazione li prepara a fornire assistenza medica di emergenza, e include temi come basic life support (CPR); condizioni mediche tra cui asma, disturbi cardiaci, convulsioni e reazioni allergiche; argomenti come il parto di emergenza e vari traumi. Anche i piloti frequentano corsi di formazione che coprono argomenti quali ipossia, malaria, dengue, Traumi, CPR, soffocamento, problemi di salute sul lavoro.

Nelle rare occasioni in cui è necessaria una diversione medica, il processo inizia quando un membro dell’equipaggio di cabina è allertato o scopre che un passeggero sembra avere problemi medici. L’equipaggio determina la gravità della situazione, quindi informa il pilota che si consulta con MedLink, che ha sede negli Stati Uniti, e offre 24/7 un servizio di consulenza medica via satellite che fornisce all’equipaggio un collegamento diretto con specialisti, che possono aiutare a valutare la situazione del passeggero in tempo reale.

“Nel 2013 e 2014, abbiamo dirottato più di 100 voli per emergenze mediche, che sono costate più di US $ 12 milioni. Quando accade, lavoriamo duro per ottenere l’accesso a un medico il più rapidamente possibile in coordinamento con le autorità locali, e allo stesso tempo per cercare di minimizzare i disagi per gli altri passeggeri interessati dalla deviazione. Una diversione non pianificata ha le sue sfide come logistica, e in alcuni casi vi possono essere ritardi prolungati”, ha detto Adel Al Redha, Emirates Executive Vice President and Chief Operations Officer.

“A parte l’equipaggio a bordo, una squadra a terra entra in azione per riprenotare i passeggeri che potrebbero perdere i loro collegamenti aerei, prendere accordi con i servizi sanitari, organizzare il rifornimento e un piano di volo modificato. Questo diventa più difficile in un momento in cui la nostra squadra a terra sostiene una diversione in un aeroporto che non è una destinazione Emirates pianificata. Le diversioni sono costose e operativamente molto difficili, oltre agli inconvenienti per gli altri passeggeri. Un’ unica diversione può costare fino a 200.000 dollari, ma quando una vita o la sicurezza del passeggero è in gioco, niente di tutto ciò conta. Non scenderemo mai a compromessi sulla sicurezza dei nostri passeggeri e dell’equipaggio”, ha aggiunto.

Oltre a MedLink, a bordo l’equipaggio è assistito assistita dal sistema Tempus IC, che permette all’equipaggio di trasmettere dati medici vitali del passeggero interessato - come la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna, ECG, voce e video - dal velivolo a MedLink con comunicazioni via satellite. Il team MedLink poi informerà l’equipaggio sul modo migliore per curare o alleviare le condizioni del paziente, e consigliare se una deviazione medica è necessaria o se il passeggero interessato può essere trattato alla destinazione finale. MedLink consiglierà inoltre gli aeroporti più vicini dove il volo potrebbe deviare, in base ai servizi medici disponibili in quei punti.

Dopo la consultazione con MedLink e il personale di bordo, il pilota prende la decisione finale se il volo deve effettuare una diversione, tenendo conto delle esigenze specifiche del velivolo e garantendo che sia compatibile con l’aeroporto di destinazione. Ad esempio, non tutti gli aeroporti sono in grado di gestire aeromobili wide-body. “Una volta che il passeggero interessato è stato accompagnato fuori dal velivolo per le cure mediche, l’aereo di solito è rifornito e torna in viaggio verso la sua destinazione originale entro una o due ore”, ha detto Al Redha.

Come parte del loro programma di formazione iniziale, tutto il personale di terra e di cabina è addestrato per essere attento durante il processo di imbarco per identificare eventuali persone che non possono essere in grado di viaggiare. Se vi è una preoccupazione, l’equipaggio può contattare MedLink e la decisione può essere data in pochi minuti sulla base di una consulenza medica professionale, riducendo così il rischio di un’emergenza medica durante il volo. I clienti con determinate condizioni mediche esistenti sono tenuti a compilare un modulo con i propri dati medici, che viene recensito dalla Passenger Medical Clearance Unit. In alcuni casi, un ulteriore supporto come l’ossigeno supplementare o un medico o l’infermiere di accompagnamento può essere richiesto.

(Ufficio Stampa Emirates)

Articolo scritto da JT8D il 3 Apr 2015 alle 11:33 am.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus