BRITISH AIRWAYS CELEBRA L’80° ANNIVERSARIO DELLA ROTTA VERSO L’AUSTRALIA

La star di Hollywood Naomi Watts ha posato per British Airways nel ricreare un poster vintage della compagnia aerea britannica, che celebra quest’anno l’80° anniversario del lancio delle sue rotte in Australia. L’attrice nominata agli Oscar ha indossato un costume da bagno dell’epoca per ricreare una versione moderna della storica fotografia, utilizzata negli anni ‘30 per promuovere i voli verso l’Australia. Conosciuta in tutto il mondo anche per i ruoli in Birdman, The Ring e Mullholland Drive, la Watts ha un legame molto particolare sia con l’Inghilterra che con l’Australia: nata nel Kent, infatti, si è poi trasferita nella Terra dei Canguri con la sua famiglia all’età di 14 anni.

Il primo volo commerciale della compagnia aerea britannica fra Londra e l’Australia è decollato il 13 Aprile 1935, con la livrea di Imperial Airways – predecessore di British Airways – insieme a Qantas Empire Airways. Il viaggio, che percorreva una rotta lunga 12.754 miglia, era una vera e propria avventura di 12 giorni, con tappe in molte importanti città del mondo, fra cui Baghdad, Delhi, Bangkok e Singapore. All’epoca, la prima tappa era Parigi, da dove i passeggeri prendevano un treno notturno con destinazione Brindisi, da dove avrebbero poi proseguito il loro viaggio aereo fino all’Australia poiché, per motivi politici, era proibito a Imperial Airways sorvolare l’Italia. In tutto, i passeggeri spendevano non meno di dieci notti lungo tutta la rotta, pernottando in hotel attentamente selezionati, e il costo del biglietto di sola andata si aggirava attorno ai $ 376 (£ 195) – che corrispondono a circa $ 23.470 (£ 12.158) nella valuta odierna, quasi due volte il prezzo di un volo a/r nella lussuosa cabina First di British Airways al giorno d’oggi.

Dieci anni dopo, nel 1945, British Airways inizia il primo servizio settimanale verso l’Australia, in quella che più tardi sarebbe stata chiamata “The Kangaroo Route”. Più recentemente, nel 1986, British Airways ha cominciato a offrire ai suoi passeggeri il più veloce dei voli one-stop fra Londra e l’Australia, grazie all’arrivo del Boeing 747.

Oggi, la compagnia aerea Britannica opera collegamenti giornalieri fra la capitale Britannica e Sidney, continuando a volare via Singapore proprio come accadeva lungo la storica Kangaroo Route. I passeggeri possono viaggiare a bordo del Boeing 777-300ER, scegliendo fra quattro cabine: First, Club World (la Business Class di lungo raggio), World Traveller Plus (Premium Economy) e World Traveller (Economy). Tutti coloro che viaggiano verso Londra hanno inoltre l’opportunità di provare tutti i servizi dell’innovativo Terminal 5 a Londra Heathrow, quartier generale di British Airways e nominato Best Airport Terminal da Skytrax per il terzo anno consecutivo lo scorso Marzo.

Ottant’anni dopo quel primo volo commerciale, British Airways ha fatto viaggiare più di 1.3 miliardi di passeggeri lungo il suo network globale, trasportando circa 36 milioni di persone ogni anno verso oltre 179 destinazioni, in 75 Paesi.

Keith Williams, Executive Chairman di British Airways, afferma che lo spirito innovativo che percorreva la compagnia aerea britannica nel 1935 è lo stesso che la pervade oggi: “Coprire quella distanza, attraverso numerosi continenti fino all’Australia non era mai stato fatto prima e certamente non era impresa semplice per quegli anni. Richiese infatti un’attitudine pioneristica e un’ampia visione, qualità che caratterizzano British Airways ancora oggi. Continuiamo infatti a investire in modernissimi aeromobili e cabine in modo che i nostri clienti possano volare verso l’Australia in totale comfort e relax e godere della qualità del servizio britannico per cui siamo conosciuti. Come unica compagnia europea che vola verso l’Australia, siamo immensamente fieri di celebrare 80 anni di collegamenti fra due grandi nazioni”.

(Ufficio Stampa British Airways)

Articolo scritto da JT8D il 30 Apr 2015 alle 4:05 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus