ETIHAD AIRWAYS: UN NUOVO STUDIO DIMOSTRA CHE LA COMPAGNIA SUPPORTA 23.400 POSTI DI LAVORO NEGLI STATI UNITI

Etihad Airways contribuirà all’economia statunitense con 2,9 miliardi di dollari e supporterà 23.400 posti di lavoro nel corso di quest’anno, come afferma una nuova ricerca condotta dal consulente globale Oxford Economics. Lo studio, commissionato da Etihad Airways, prevede che entro il 2020 la spesa operativa e gli investimenti di capitale della compagnia aerea raddoppieranno, supportando 46.200 posti di lavoro americani e contribuendo con 6,2 miliardi di dollari all’anno. Queste sono alcune delle conclusioni principali dell’Oxford Economics Report, presentato da Vijay Poonoosamy, Vice President International and Public Affairs di Etihad Airways, con lo scopo di quantificare il contributo economico che la compagnia aerea fornisce agli Stati Uniti. Lo studio, pubblicato sul sito www.keeptheskiesopen.com, valuta la spesa di capitali con i fornitori statunitensi e la spesa operativa nel paese per calcolare un valore da attribuire ai contributi diretti, indiretti e indotti.

“Open Skies è positivo sia per la concorrenza sia per il consumatore, ma questo rapporto dimostra soprattutto che è positivo per l’economia americana”, ha affermato Poonoosamy. “Dal 2005, l’anno precedente all’inizio dei nostri servizi verso l’America, la nostra spesa e le nostre attività nel mercato statunitense hanno supportato migliaia di posti di lavoro e hanno aiutato ad alimentare la crescita dell’economia locale”, ha dichiarato. “Oxford Economics ha calcolato che entro il 2020 avremo contribuito con 41 miliardi di dollari alla crescita del PIL statunitense attraverso una combinazione di spesa diretta nelle nostre operazioni giornaliere negli Stati Uniti e le nostre relazioni a lungo termine con i partner americani tra cui Boeing, GE Aircraft Engines e Sabre Airline Solutions”.

Dal 2004, quando la compagnia ha annunciato il progetto di acquisire cinque velivoli Boeing 777-300ER, Etihad Airways ha introdotto o ordinato quasi 120 velivoli Boeing al prezzo di listino di 36,5 miliardi di dollari, tra cui oltre 70 B787 Dreamliner e 25 velivoli B777X di nuova generazione. La compagnia aerea ha inoltre selezionato fornitori statunitensi per altri equipaggiamenti, dagli interni della cabina ai sistemi di intrattenimento a bordo.

Poonoosamy ha sottolineato inoltre che una serie di compagnie aeree statunitensi ha beneficiato della presenza di Etihad Airways nel mercato degli Stati Uniti. Nel 2014, Etihad Airways ha trasportato 182.000 passeggeri verso le compagnie aeree statunitensi tra cui American, United, Delta e Jet Blue. Questo fenomeno crescerà nel 2015 a circa 300.000 passeggeri, un incremento del 65%, a seguito dell’introduzione delle rotte per Los Angeles, San Francisco e Dallas Fort Worth lo scorso anno. “In prospettiva, è l’equivalente di cinque voli completi con un Boeing 737-800 ogni giorno dell’anno”, ha affermato Poonoosamy

Oltre alla spesa diretta della compagnia aerea, Oxford Economics ha rilevato che ulteriori 1,3 miliardi di dollari verranno spesi in America dai 260.000 visitatori internazionali che Etihad Airways prevede di trasportare verso gli Stati Uniti durante l’anno, provenienti da diversi mercati tra cui il Medio Oriente e il subcontinente indiano. I benefici economici della connessione tra gli Stati Uniti e le destinazioni del network di Etihad Airways sono state valutate da Oxford Economics in 410 miliardi di dollari, con una crescita a 850 miliardi di dollari prevista entro il 2020. Poonoosamy ha affermato che la presenza di Etihad Airways nel mercato statunitense ha generato un’attività economica per parti terze, tra cui hotel, fornitori di trasporti via terra e una serie di partner del settore turistico.

Il contributo economico della compagnia aerea è ulteriormente rafforzato dalle sue attività cargo, che durante il 2015 contribuiranno al trasporto di 80.000 tonnellate di merci da e per gli Stati Uniti. Oltre allo spazio merci nella stiva dei suoi jet passeggeri, Etihad Airways ha creato una forte partnership con l’azienda dell’aviazione statunitense Atlas Air, che opera con tre Boeing 747 merci per conto di Etihad Cargo.

“Il nostro contributo più importante agli Stati Uniti è la possibilità di scelta”, ha affermato Poonoosamy. “Noi offriamo maggiori opzioni per i consumatori e, attraverso il nostro eccezionale servizio a bordo tra gli USA, Abu Dhabi e non solo, colleghiamo i viaggiatori americani con destinazioni che sono scarsamente connesse, o non connesse per nulla”. “Stiamo tutti crescendo grazie ad Open Skies”, ha affermato. “Ciò è positivo per le compagnie aeree, positivo per l’economia statunitense e positivo per i clienti”.

(Ufficio Stampa Etihad Airways)

Articolo scritto da JT8D il 3 Giu 2015 alle 11:22 am.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus