ATLANTIC AIRWAYS SIGLA UN ORDINE FERMO PER UN AIRBUS A320

Atlantic Airways, vettore con base nelle Isole Faroe, ha siglato un ordine fermo per un nuovo Airbus A320. Con questo ordine Atlantic Airways diventa un nuovo cliente dell’A320. L’aeromobile, che sarà consegnato a fine 2016, consentirà al vettore di sfruttare il mercato passeggeri in crescita fra le Isole Faroe e Copenaghen. L’A320 di Atlantic Airways avrà 168 poltrone. Attualmente il vettore opera già tre Airbus A319. La scelta di Atlantic Airways è ricaduta sull’A320 grazie ai vantaggi economici, alla performance e all’ operabilità in condizioni ambientali estreme. L’aeromobile è dotato della capacità Required Navigation Performance (RNP 0.1) che consente all’aeromobile di volare con estrema precisione lungo rotte predefinite utilizzando i sistemi di navigazione più avanzati. Atlantic Airlines è stata la prima compagnia aerea in Europa a utilizzare l’approccio Required Navigation Performance.

“L’aviazione è la nostra finestra verso il mondo. Il nostro nuovo A320 ci aiuterà a espandere i nostri servizi aerei nella regione e a incrementare la capacità, offrendo ai nostri passeggeri la possibilità di viaggiare con stile e nel confort”, ha dichiarato Niels Mortensen, Presidente del Consiglio di Amministrazione di Atlantic Airways.

“Siamo lieti che Atlantic Airways abbia scelto l’A320 per la crescita della propria fotta”, ha dichiarato John Leahy, COO Clienti di Airbus. “Il vettore trarrà vantaggio dalla communalità della cabina di pilotaggio, una caratteristica unica di Airbus, che consente agli equipaggi di operare diversi aeromobili che hanno in comune la tipologia di rating, generando efficienze sia in termini di addestramento che di manutenzione. L’A320, dotato di poltrone standard da 18 pollici, offre la cabina più ampia e comoda di qualsiasi altro aeromobile a corridoio singolo.”

(Ufficio Stampa Airbus)

Articolo scritto da JT8D il 9 Giu 2015 alle 5:34 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze, Industria - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus