ETIHAD AIRWAYS INTRODUCE IL 787 SULLA ROTTA ABU DHABI-ZURIGO

Etihad Airways ha annunciato oggi l’espansione del suo network operato con il Boeing 787 Dreamliner, con il dispiegamento di questo aereo sulla rotta Abu Dhabi - Zurigo. Dal 6 luglio 2015 Etihad Airways sostituirà il velivolo Airbus A330-300 attualmente utilizzato sulla rotta con il Dreamliner, configurato in tre classi: First Suite, Business Studio e Economy Smart. Il Presidente e Chief Executive Officer di Etihad Airways, James Hogan, ha detto che l’introduzione del Boeing 787 Dreamliner a Zurigo ha un senso logico, dato che vi è stato un forte interesse da parte dei viaggiatori svizzeri per l’ultimo prodotto della compagnia aerea: “Questa decisione strategica di operare il Dreamliner dimostra il nostro chiaro impegno nei confronti del mercato svizzero. I viaggiatori provenienti dalla Svizzera saranno presto in grado di sperimentare livelli senza precedenti di comfort, divertimento e connettività in volo con questo aereo di nuova generazione, essendo perfettamente collegati attraverso l’hub di Abu Dhabi al nostro network in rapida espansione”.

Il nuovo Boeing 787-9 Dreamliner di Etihad Airways è configurato per trasportare 235 passeggeri, con otto posti in First Class, 28 in Business Class e 199 in Economy Class, per un totale di 3.290 posti a settimana sulla rotta Abu Dhabi-Zurigo.

L’ ordine di Etihad Airways per le due varianti del B787 (-9 e -10) è uno dei più grandi al mondo per il Dreamliner, con un totale di 71 velivoli. La compagnia attualmente opera il B787-9 verso Brisbane, Washington DC, e dal 1° agosto verso Singapore, permettendo agli ospiti di viaggiare tra Zurigo e Singapore, via Abu Dhabi, con il Dreamliner su tutta la rotta. Ulteriori destinazioni verranno aggiunte man mano che la compagnia aerea prenderà in consegna gli aeromobili.

(Ufficio Stampa Etihad Airways)

Articolo scritto da JT8D il 6 Lug 2015 alle 7:54 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , , , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus