EMIRATES INAUGURA I COLLEGAMENTI PER ORLANDO

Emirates ha inaugurato la sua decima destinazione negli Stati Uniti con l’inizio di un volo giornaliero nonstop tra Dubai e Orlando, iniziato il primo Settembre. Una delegazione VIP e una rappresentanza di giornalisti internazionali erano a bordo del volo inaugurale, che ha trasportato passeggeri di 29 diverse nazionalità ad Orlando. “Il nostro nuovo servizio giornaliero consentirà ad Emirates di crescere al fianco di Orlando, una delle destinazioni più ambite per il turismo e un business center dinamico”, ha detto Sua Altezza lo Sceicco Ahmed bin Saeed Al Maktoum, Chairman e Chief Executive di Emirates Airline & Group. “Il lancio di questa rotta nonstop offrirà l’eccellente servizio di Emirates ai passeggeri che volano da Central Florida a casa nostra a Dubai e oltre a più di 140 destinazioni globali. Dal 2004, Emirates ha trasportato più di 11 milioni di passeggeri sui propri voli negli Stati Uniti e questa nuova rotta aprirà ancora più opzioni per i passeggeri che viaggiano a Orlando. Inoltre, l’aereo su questa rotta ha la capacità di trasportare più di 17 tonnellate di carico in ogni direzione ogni giorno, che sosterrà il mercato di esportazione della Florida”.

“La Florida si sta impegnando molto per diventare il leader globale nella creazione di posti di lavoro e siamo entusiasti del nuovo volo Emirates tra Orlando e Dubai”, ha detto il Governatore della Florida Rick Scott. “Abbiamo accolto più di 97 milioni di visitatori nel nostro stato l’anno scorso e contiamo che ogni 85 turisti si crea un altro posto di lavoro in Florida. Sappiamo che la nostra industria del turismo aiuta a far crescere la nostra economia ed è per questo stiamo investendo 145 milioni di Dollari nell’aeroporto internazionale di Orlando; per espandere il Complesso Terminal Sud in modo che possiamo continuare ad aumentare i servizi aerei nazionali e internazionali, come il nuovo volo Emirates”.

“Il servizio diretto di Emirates per Orlando apre un nuovo mondo di opportunità per noi, soprattutto quelle di perseguire scambi turistici e commerciali con il Medio Oriente, Africa e Asia”, ha dichiarato il sindaco di Orlando Buddy Dyer. “Business e turismo sono fondamentali per l’economia della Florida centrale e questo nuovo servizio diretto renderà più facile per i viaggiatori raggiungere e partire da Orlando, la creazione di nuovi posti di lavoro e opportunità per i nostri residenti.”

Il volo giornaliero Emirates EK219 partirà da Dubai alle 3:50 (ora locale) e arriverà ad Orlando alle 11:40, per un tempo di volo di 15 ore e 50 minuti. Il volo EK220 partirà dal Terminal B dell’Orlando International Airport alle 2:20 p.m. e arriverà al Dubai International Airport alle 12:30 del giorno successivo, con un tempo di volo di 14 ore e 10 minuti.

Per celebrare il lancio dei voli per Orlando, Emirates ha utilizzato il suo velivolo simbolo – un Airbus 380 – per festeggiare l’evento e incrementare la domanda per il volo inaugurale. Si è trattato del primo A380 atterrato all’orlando International Airport. Il servizio regolare per Orlando sarà effettuato con il velivolo Boeing 777-200 LR, che offre 266 posti, incluse 8 suite private di First Class, 42 sedili completamente reclinabili in Business Class e 216 spaziosi sedili in Economy Class. Emirates ha una flotta di 143 Boeing 777, più di qualsiasi altra linea aerea al mondo.

Per venire incontro alla sempre crescente domanda, Emirates ha storicamente aumentato la sua capacità con upgrade, passando dai Boeing 777 ai più spaziosi A380. Nel Dicembre 2014, Emirates ha inaugurato i collegamenti con l’A380 verso il George Bush Intercontinental Airport di Houston, al quale si sono aggiunti il John F. Kennedy International Airport, il Los Angeles Airport, il San Francisco International Airport e il Dallas/Fort Worth International Airport, tutte destinazioni Usa servite da voli A380 provenienti da Dubai.

(Ufficio Stampa Emirates)

Articolo scritto da JT8D il 2 Set 2015 alle 5:30 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus