BOEING PREVEDE UNA DOMANDA DI 3.180 NUOVI AEREI IN MEDIO ORIENTE NEI PROSSIMI 20 ANNI

Boeing prevede che le compagnie aeree del Medio Oriente avranno un fabbisogno di 3.180 nuovi aerei nei prossimi 20 anni, per un valore stimato di 730 miliardi di dollari. Il 70% della domanda sarà spinta dalla rapida espansione delle flotte nel Paese. Secondo il Boeing Current Market Outlook (CMO) gli aerei a corridoio singolo come il 737 MAX domineranno la quota maggiore delle nuove consegne e le compagnie aeree avranno bisogno di circa 1.140 aerei. Questi nuovi aerei continueranno a stimolare la crescita dei vettori low-cost e sostituiranno gli aerei più vecchi e meno efficienti.

“La crescita del traffico in Medio Oriente continua ad aumentare a ritmi sostenuti ed è previsto che cresca del 6,2% annualmente durante i prossimi 20 anni”, ha dichiarato Randy Tinseth, Vice President, Marketing di Boeing Commercial Airplanes. “Circa l’80% della popolazione mondiale vive a otto ore di volo dal Golfo Arabo. Questa posizione geografica, associata a strategie di business diversificate e agli investimenti nelle infrastrutture, sta consentendo alle compagnie aeree del Medio Oriente di aggregare il traffico nei suoi hub e di offrire un servizio one-stop tra molte coppie di città che altrimenti non potrebbero godere di simili collegamenti diretti”.

Gli aerei a doppio corridoio rappresenteranno un pò meno della metà delle consegne dei nuovi aerei della regione nel prossimo ventennio, comparato al 23% globale. Questo è dimostrato dal robusto portafoglio ordini e consegne per il 787 e il 777, sottolineando che Boeing sta soddisfacendo la domanda dei clienti focalizzandosi sul miglioramento dell’esperienza di volo per i passeggeri e delle caratteristiche economiche operative e della capacità.

La presenza e il supporto di Boeing al Medio Oriente include anche una crescita del business dei servizi aftermaket che continua a espandersi, offrendo il servizio migliore alle compagnie aeree locali. Commercial Aviation Services è un fornitore leader di servizi aftermaket nel Medio Oriente, che supporta le compagnie aeree durante il ciclo di vita delle loro flotte - dall’introduzione degli aerei al loro ritiro. I programmi di Component Support Programs, una divisione di Boeing’s GoldCare Services, riscuotono particolare successo con tre nuovi operatori di 787 nel Paese, che hanno affidato a Boeing la gestione affidabile, puntuale e conveniente dei componenti.

“Durante i 70 della nostra presenza in Medio Oriente, Boeing ha lavorato insieme ai clienti per assicurare la fornitura di aerei e servizi che supportassero le ambizioni dell’aerospazio”, ha commentato Tinseth. “Boeing è ben posizionata per continuare a indirizzare la domanda in Medio Oriente e per fornire alle compagnie aeree le capacità per servire il loro network globale in espansione”.

Boeing ha previsto una domanda globale di lungo termine di 38.050 nuovi aerei, del valore di 5,6 trilioni di dollari. Questi nuovi aerei sostituiranno gli aerei più vecchi e meno efficienti, garantendo vantaggi alle compagnie aeree e ai passeggeri e stimolando la crescita nei mercati emergenti, nonché l’innovazione nei modelli di business delle compagnie stesse.

(Ufficio Stampa Boeing)

Articolo scritto da JT8D il 5 Nov 2015 alle 6:01 pm.
Categorie: Industria - Tags: , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus