APPROVATO IL CONTRATTO DI PROGRAMMA DELL’AEROPORTO DI OLBIA PER IL 2015-2018

ENAC ha approvato la stipula del Contratto di Programma con Geasar che prevede un piano di investimenti del valore di 95 milioni di Euro nel quadriennio 2015-2018. A seguito di un lungo percorso di confronto con ENAC, ART (Autorità di Regolazione dei Trasporti) e l’utenza aeroportuale, Geasar ha predisposto un piano di investimenti quadriennale che permetterà l’adeguamento delle infrastrutture aeroportuali alle previsioni di crescita del traffico aereo, impegnandosi inoltre a rispettare rigorosi obiettivi di qualità e di tutela ambientale. L’Aeroporto Olbia Costa Smeralda raggiunge dunque un importante obiettivo che consentirà di finanziare lo sviluppo dell’infrastruttura aeroportuale sia in termini di capacità operativa che di ampliamento del network.

Silvio Pippobello, Amministratore Delegato di Geasar, ha commentato: “I numeri dell’ultimo triennio evidenziano un trend di crescita del traffico che porterà al raggiungimento della saturazione degli spazi nel breve periodo. La firma dell’accordo rappresenta un importante obiettivo per il nostro aeroporto sul quale la società ha lavorato per quasi undici anni dalla stipula della concessione del 2004. Il contratto di programma darà al territorio e all’intera regione un asset infrastrutturale ben delineato che, se ben utilizzato, consentirà di sviluppare i flussi turistici e mantenere i livelli di qualità del trasporto che l’utenza sempre più ricerca”.

L’Aeroporto di Olbia si appresta a concludere il 2015 con un volume di passeggeri transitati pari a 2,1 milioni, con un incremento del 5,6% sui primi 11 mesi del 2014. Nel dettaglio, il traffico nazionale è cresciuto del 4,2% con 1,1 milioni di passeggeri, mentre l’internazionale cresce del +7,1% grazie a 8 nuove destinazioni servite da oltre 30 vettori.

(Ufficio Stampa Olbia Costa Smeralda Airport)

Articolo scritto da JT8D il 3 Dic 2015 alle 6:10 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni - Tags: , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus