EMIRATES ANNUNCIA UN SERVIZIO GIORNALIERO VERSO CEBU E CLARK NELLE FILIPPINE

Emirates lancerà un daily circular service da Dubai verso Cebu (CEB) e Clark (CRK), nelle Filippine, a partire dal 30 marzo 2016. Operata con un Boeing 777-300ER, questa nuova rotta rafforzerà la connettività verso due hub internazionali in rapida crescita nelle Filippine. “Con l’apertura di questo servizio Emirates migliorerà la scelta per i viaggiatori nelle Filippine, che saranno in grado di connettersi facilmente con 39 città in Europa, 16 in Medio Oriente, così come con diverse destinazioni, attraverso una vasto network, in Africa e nelle Americhe, inclusa Panama dal 1° febbraio”, ha dichiarato Thierry Antinori, Executive Vice President e Chief Commercial Officer, Emirates.

“Questo nuovo servizio contribuirà a valorizzare i legami commerciali delle Filippine con il resto del mondo e a promuovere il turismo in entrata, supportando la campagna del Department of Tourism ‘Visit the Philippines Again 2016’. Saranno inoltre ampliate le opzioni di viaggio per i filippini della Central Luzon region, così come della Visayas region, offrendo una maggiore flessibilità per i lavoratori stranieri in partenza dalle Filippine o in cerca di opzioni di volare verso casa”, ha aggiunto.

Il Boeing 777-300ER che opererà sulla rotta offre 42 posti in Business Class e 386 posti in Economy Class. In termini di carico saranno offerte fino a 14 tonnellate di capacità bellyhold su questo servizio. Il volo Emirates per Cebu e Clark, EK338, partirà tutti i giorni da Dubai alle 02:55, con arrivo al Mactan-Cebu International Airport alle 15:50. La partenza da Cebu sarà alle 17:25, con arrivo al Clark International Airport alle 18:45. Il volo di ritorno partirà da Clark alle 20:20, con arrivo al Dubai International Airport alle 01:25 del giorno successivo.

(Ufficio Stampa Emirates)

Articolo scritto da JT8D il 4 Gen 2016 alle 10:42 am.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus