VOLOTEA: NEL 2015 +47% NEL VOLUME DI PASSEGGERI IN EUROPA

Volotea, la compagnia aerea che collega città di medie e piccole dimensioni, vola sempre più in alto e taglia un altro importante traguardo in Italia: nel 2015 sono infatti stati ben 1.540.299 i passeggeri trasportati da e per il Belpaese, di cui l’87% verso rotte domestiche e il 13% su voli internazionali. Un risultato che conferma il trend positivo della low-cost anche a livello europeo con più di 2.570.000 passeggeri che nel 2015 hanno volato verso una delle destinazione del network Volotea (+47% vs 2014).

“Sin dall’avvio delle nostre attività, ci siamo impegnati per soddisfare le esigenze di viaggio più diverse, offrendo un network di destinazioni ampio e variegato – afferma Carlos Muñoz, Presidente e Fondatore di Volotea -. Chiudere il 2015 all’insegna del successo è un’ulteriore conferma del fatto che ci stiamo muovendo nella giusta direzione. Siamo orgogliosi di aver registrato una crescita così significativa in Italia, uno dei mercati chiave per la nostra compagnia, dove siamo presenti in 18 aeroporti e dove, negli ultimi 12 mesi, abbiamo trasportato circa il 67% del totale dei nostri passeggeri a livello internazionale”.

E le ottime performance per Volotea sono state ottenute anche grazie a un tasso di puntualità che per il 2015 si è attestato intorno al 76,37%: ciò significa che negli scorsi 12 mesi, 7 aerei su 10 sono decollati o atterrati in orario.

“Ma il risultato più importante, per noi, arriva dalla soddisfazione dei passeggeri: il 90% di chi ha volato con Volotea, infatti, ci raccomanderebbe anche a familiari e amici – conclude Muñoz -. I successi ottenuti nel 2015 ci portano quindi ad affrontare con rinnovato entusiasmo il 2016, con l’obiettivo di raggiungere presto nuovi traguardi. Ed è proprio per questo che il nostro team è già al lavoro per lanciare nuovi collegamenti per i prossimi 12 mesi”.

(Ufficio Stampa Volotea)

Articolo scritto da JT8D il 12 Gen 2016 alle 3:13 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags:


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus