DA GIUGNO NUOVO VOLO MERIDIANA OLBIA-MARSIGLIA

Dal 4 giugno Meridiana opererà un nuovo collegamento internazionale da Olbia Costa Smeralda a Marsiglia, la più grande città della Francia meridionale, tipicamente mediterranea con le sue baie pittoresche e oltre 2600 anni di storia. Il volo diretto sarà disponibile ogni Sabato dal 4 giugno, mentre dal 26 luglio si aggiunge un ulteriore frequenza settimanale il Martedì, consentendo quindi sia una permanenza settimanale, sia un long week-end durante la stagione di picco. Andrea Andorno, Direttore Commerciale di Meridiana ha dichiarato: “Meridiana è l’unica compagnia aerea ad offrire questo collegamento con Marsiglia, che si aggiunge agli storici voli fra Parigi Charles de Gaulle e Olbia, avviati nel 1978 e al Nizza-Olbia, attivo dal 1966. Nel 2015 abbiamo trasportato 900.000 passeggeri da e per Olbia e, con il nuovo volo per Marsiglia, salgono a 19 le destinazioni servite dalla nostra compagnia”. L’aeromobile in servizio su questa linea sarà un Boeing 737-700 con una doppia configurazione di 125 posti in economica e 16 in Electa, la business class di Meridiana.

Il decollo da Olbia è previsto alle 15.35, mentre da Marsiglia si parte alle 17:30; il tempo di volo è di circa un’ora. Tariffe promozionali sono già disponibili sul sito meridiana.com. In occasione del lancio di questo nuovo collegamento la tariffa speciale per un volo di solo andata è di 50€ da Olbia e di 51€ da Marsiglia (per persona, tutto incluso).

Meridiana, nella stagione primavera estate 2016, oltre al nuovo volo per Marsiglia, collegherà Olbia con gli scali nazionali di Bari, Bergamo, Bologna, Catania, Firenze, Genova, Milano Linate e Malpensa, Napoli, Roma Fiumicino, Torino, Venezia e Verona e con gli aeroporti internazionali di Londra, Monaco di Baviera (via Linate), Mosca, Nizza e Parigi.

(Ufficio Stampa Meridiana)

Articolo scritto da JT8D il 19 Gen 2016 alle 6:08 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus