I MAGGIORI GRUPPI DI COMPAGNIE AEREE EUROPEE DANNO VITA A “AIRLINES FOR EUROPE” (A4E)

Il 20 gennaio 2016, in occasione dell’European Aviation Summit, i cinque maggiori gruppi di compagnie aeree europee - Air France-KLM, EasyJet, International Airlines Group, Lufthansa Group e Ryanair - hanno annunciato la creazione dell’associazione Airlines for Europe (A4E). I 5 gruppi, che trasportano oltre il 50% dei passeggeri in Europa, hanno scelto di unire le forze con l’obiettivo di influenzare la politica europea dell’aviazione. In questa occasione, Alexandre de Juniac, presidente e amministratore delegato di Air France-KLM, ha sottolineato l’opportunità per il Gruppo di difendere gli interessi delle compagnie aeree europee con le autorità nazionali e comunitarie, per consentire loro di competere efficacemente con le principali compagnie aeree del mondo.

Airlines for Europe si focalizzerà su almeno tre questioni importanti: la riduzione dei costi aeroportuali in Europa; fornire un airspace sicuro ed efficiente, riducendo il costo del controllo del traffico aereo (ATC); stimolare una maggiore attività economica e l’occupazione con la creazione di un adeguato quadro normativo.

I cinque CEO - Alexandre de Juniac, Carolyn McCall, Willie Walsh, Carsten Spohr e Michael O’Leary - hanno commentato: “Accogliamo con favore l’European Commission Aviation Strategy per una industria aeronautica europea più forte e più competitiva. Ma dobbiamo agire ora - monopoli aeroportuali su larga scala, tariffe elevate, tassazione e inefficienze caratterizzano la filiera aeronautica. Vogliamo lavorare con la Commissione e gli Stati membri per attuare la strategia e invitiamo gli Stati membri a sostenere il lavoro della Commissione per ridurre i costi dei fornitori in monopolio”.

Thomas Reynaert è stato nominato Managing Director di A4E.

(Ufficio Stampa Air France-KLM - Ryanair)

Articolo scritto da JT8D il 20 Gen 2016 alle 7:31 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , , , , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus