ROLLS-ROYCE CONSEGNA I PRIMI T56 SERIES 3.5 UPGRADE KITS ALL’U.S. AIR FORCE PER LA FLOTTA DI C-130H

Rolls-Royce ha consegnato i primi T56 Series 3.5 engine upgrade kits alla US Air Force, per migliorare la sua flotta da trasporto C-130H. I kit di aggiornamento 3.5 stanno già dimostrando il loro valore in un aereo Hurricane Hunter WP-3D della US National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), con un risparmio di carburante superiore al 12 per cento e il miglioramento del range e del payload. I dati di volo del NOAA mostrano anche temperature delle turbine significativamente più basse, un miglioramento delle performance ad alta quota e un avvio più veloce del motore. I C-130H dell’USAF e dell’ US Air National Guard riceveranno gli aggiornamenti del motore T56 a partire dalle unità della Air National Guard in Wyoming e New York. L’Air Force ha assegnato un contratto di $ 36 milioni di dollari per lanciare l’upgrade Series 3.5 nella flotta. L’aggiornamento consente ai motori T56 di operare a temperature notevolmente ridotte, estendendo la vita delle parti e migliorando l’affidabilità del 22 per cento. Gli aggiornamenti forniscono anche migliori performance “Hot and High”. Il pacchetto Series 3.5 può essere installato su motori T56 dei C-130 o P-3.

La tecnologia della serie 3.5, che si basa su progressi dimostrati da altri motori Rolls-Royce, può essere aggiunta durante le revisioni regolari per ridurre i costi e non richiede modifiche al velivolo o controlli. Il pacchetto Series 3.5 del T56 ha già completato tutti i requisiti per la qualificazione dell’U.S. Air Force sul C-130H e ha ricevuto la certificazione FAA per la versione commerciale del motore T56. La U.S. Air Force ha stimato che l’integrazione dell’aggiornamento nella sua flotta C-130 permetterà risparmi di $ 2 miliardi, estendendo la vita della flotta per decenni.

(Ufficio Stampa Rolls-Royce)

Articolo scritto da JT8D il 25 Feb 2016 alle 7:56 pm.
Categorie: Enti e Istituzioni, Industria - Tags: , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus