BOEING E RYANAIR CELEBRANO LA CONSEGNA DEL 400° 737-800 NEXT-GENERATION

Boeing e Ryanair hanno segnato una pietra miliare oggi con la consegna del 400° 737-800 Next-Generation alla compagnia aerea. Il vettore low-cost irlandese opera la più grande flotta di 737-800 Next-Generation nel mondo. “Il 737-800, con la sua affidabilità leader del settore e la capacità di posti a sedere, è stato il fondamento su cui abbiamo costruito la nostra crescita di successo, da quando abbiamo preso in consegna il primo nel marzo 1999″, ha detto Michael Hickey, Ryanair Chief Operations Officer. “Siamo lieti di prendere ora in consegna il nostro 400° 737-800, che comprende il nuovo Boeing Sky Interior e sedili Slimline, offrendo maggiore spazio per le gambe e una migliore esperienza del cliente, come parte del nostro ‘Always Getting Programme’ “. Ryanair ha aperto la strada al modello low-cost in Europa più di 30 anni fa, con il 737-800 Next-Generation che fornisce la piattaforma ottimale per la sua continua crescita. Ryanair è il più grande operatore Boeing in Europa, con più di 1.800 voli giornalieri che trasportano 106 milioni di passeggeri ogni anno verso più di 30 paesi.

“Un fattore chiave per il continuo successo di Ryanair è l’economia del 737-800 Next-Generation”, ha detto Monty Oliver, vice president, European Sales, Boeing Commercial Airplanes. “Questo 400° 737 consegnato è una pietra miliare speciale per entrambe le aziende e siamo onorati che Ryanair continua ad essere un operatore all-Boeing”.

Ryanair ha più di 130 unfilled orders per 737-800 Next-Generation ed è anche il cliente di lancio per il 737 MAX 200, il nuovo membro della famiglia 737 MAX. Il vettore con sede a Dublino ha ordinato 100 737 MAX 200, una variante basata sul 737 MAX 8 che può ospitare fino a 200 posti, incrementando il potenziale di guadagno per le compagnie.

(Ufficio Stampa Boeing)

Articolo scritto da JT8D il 4 Apr 2016 alle 7:58 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze, Industria - Tags: , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus