ALITALIA: PIU’ VOLI TRA MILANO E LONDRA

Aumentano i voli fra Milano e Londra. Da oggi Alitalia aggiunge un quinto collegamento giornaliero tra Linate e il London City Airport, scalo di riferimento della comunità finanziaria londinese. Grazie al collegamento Milano-London City, i passeggeri Alitalia raggiungono il cuore della City in meno di due ore di volo. La partenza del nuovo volo da Milano sarà alle ore 20.30, dando così la possibilità di arrivare a Londra - dove l’aereo atterrerà alle ore 21.25 locali - alla fine della giornata di lavoro. Il volo di rientro è previsto da London City alle ore 6.35 locali, con atterraggio a Linate alle 9.30, in tempo per cominciare una nuova giornata in ufficio. Tutti i voli Alitalia sullo scalo londinese vengono effettuati con gli Embraer E-190, tra i pochi aeromobili abilitati ad atterrare sull’aeroporto vicino alla City. Su questi aerei, dove i posti sono distribuiti in file da 2 poltrone, l’assenza del sedile centrale garantisce il massimo comfort a tutti i passeggeri. Due le classi di viaggio disponibili, Business ed Economy.

Il London City Airport, inaugurato il 5 novembre 1987 dalla Regina Elisabetta II, è l’aeroporto di riferimento del distretto finanziario londinese. Lo scalo si trova nella zona dei Docklands, vicino alla City e a Canary Wharf, raggiungibili in pochi minuti di taxi o attraverso la Docklands Light Railway. L’aeroporto vanta le più rapide procedure di check-in, di imbarco e di sbarco fra tutti gli scali londinesi. La zona partenze del London City Airport offre inoltre numerosi punti di accesso Wi-Fi gratuiti e postazioni di lavoro dotate di prese elettriche e di plug-in per pc portatili.

Nel 2015 Alitalia ha trasportato fra Milano Linate e London City oltre 163 mila passeggeri. Da Milano Alitalia offre anche due collegamenti al giorno con London Heathrow.

(Ufficio Stampa Alitalia)

Articolo scritto da JT8D il 3 Mag 2016 alle 6:55 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , , , , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus