LOMBARDIA AEROSPACE CLUSTER: BILANCIO POSITIVO AL FARNBOROUGH AIRSHOW

È positivo il bilancio del Lombardia Aerospace Cluster al Farnborough Airshow 2016 che si è appena concluso. A tirare le somme della partecipazione con uno stand in rappresentanza di tutta la filiera produttiva e la presenza fisica di 14 Pmi è lo stesso neo-Presidente del Cluster, Angelo Vallerani: “Con la nostra presenza a questo Airshow abbiamo dato al Cluster nel suo insieme e alle piccole e medie imprese, che da sole non avrebbero le forze di sostenere i costi di questa fiera, la visibilità che meritano nei confronti dei grandi player mondiali del settore. L’ombrello del Lombardia Aerospace Cluster, in questo senso, fornisce un grande valore aggiunto per le imprese”. Da qui il sostegno garantito anche quest’anno al Cluster a Farnborough dalla Camera di Commercio di Varese, come spiega il suo Presidente Giuseppe Albertini: “Il comparto aerospaziale, nella nostra provincia di Varese, è un distretto di estrema importanza e poter dare un contributo alle imprese presenti a Farnborough vuol dire dare visibilità al nostro territorio e ad un suo settore di eccellenza”.

Non ha dubbi Carmelo Cosentino, Past President del Lombardia Aerospace Cluster e oggi Presidente esecutivo dell’azienda Ase: “Anche una Pmi come la nostra può avere, come ha, una clientela mondiale. E Farnborough è una delle occasioni più importanti per stringere relazioni”. Per Luciano Roncaglia della Jointek si è trattato di “un evento positivo e di successo”. Per Gabriele Sangaletti di Selt è stata un’occasione per accrescere la propria “brand reputation”. Per Sabrina Merletti di Merletti Aerospace la presenza a Londra ha rappresentato “la conseguenza di tutta una serie di commesse e progetti internazionali che si sono concretizzati negli ultimi anni”. Parola alle imprese, dunque, al termine di una partecipazione resa possibile anche grazie al ruolo di regia organizzativa garantita dalla segreteria del Cluster che fa capo all’Unione degli Industriali della Provincia di Varese. Per gli operatori del settore si tratta, d’altronde, della “fiera delle fiere”, come spiega Edoardo Aubry di Tecnologie Industriali & Aeronautiche: per lui il salone londinese è “una vetrina fondamentale per avere una visibilità che vada oltre il mercato italiano”.

Il senso della partecipazione congiunta come Cluster Aerospaziale Lombardo ad uno dei più importanti avvenimenti internazionali dell’aerospazio, qual è l’Airshow di Farnborough, lo danno le Pmi: “Oggi ho stretto la mano al Ministro della Difesa. A questo evento guarda il mondo del settore. Le piccole imprese come le nostre imparano, vedono e hanno delle opportunità”, spiega Giancarlo Giuliato di MPG Instruments. A crederci è anche Gabriele Ceselin, di Aqm: “La presenza a Farnborough come Cluster rappresenta l’evoluzione di una idea progettuale che ha l’obiettivo di creare sinergie per far crescere il business delle imprese grazie ad una maggiore appetibilità col mondo”. Lo conferma anche Filippo Perrucchetti di Italiana Ponti Radio: “Insieme alle altre imprese del Cluster diamo il senso di una presenza significativa dell’Italia in un mercato altamente competitivo. Ma ci riusciamo solo facendo squadra”. Alessandro Foresio di Logic è tranchant: “Da soli sarebbe difficile raggiungere gli stessi risultati di immagine. Essere a Farnborough con il Cluster lombardo aumenta la nostra visibilità, un plus di supporto molto valido”. Un vantaggio anche per i potenziali partner, secondo Ivano Soliani della Soliani Emc: “La nostra presenza come Cluster e come sistema produttivo unito semplifica le cose anche ai nostri interlocutori esteri”.

La visita dei ministri italiani Stefania Giannini (MIUR) e Roberta Pinotti (Difesa). Il faccia a faccia con il Presidente di Regione Lombardia, Roberto Maroni. Gli incontri con i rappresentanti dei cluster giapponese, messicano e del Whashington State Departement of Commerce. Il meeting con il Ministro del Commercio e il Vice Governatore dello Stato del Kansas e con gli esponenti dell’Ohio. Questi solo alcuni dei momenti salienti del salone per il Lombardia Aerospace Cluster.

Appuntamenti di affari da una parte, frangenti più istituzionali dall’altra. Un’occasione, comunque, quella di Farnborough anche per fare il punto della situazione congiunturale tra le piccole e medie imprese lombarde del settore. “La situazione - commenta ad esempio Alberto Fisogni di Aviochem - è sicuramente complessa, ma il trend generale buono. Soprattutto aumenta la concorrenza nel segmento velivoli 100 posti”. Per Silvano Mantovani di Aerea i problemi non sono sul mercato, ma altrove: “Le imprese hanno difficoltà operative a causa di un sistema burocratico che ci vincola e ci obbliga a sostenere oneri che altri concorrenti internazionali non hanno, il che rischia di vanificare gli sforzi che le Pmi fanno con gli investimenti tecnologici necessari per rimanere competitive”. Claudia Mona della Secondo Mona, invece, punta sui nuovi scenari: “Nel settore si stanno aprendo nuove opportunità sul piano internazionale. Stanno sorgendo nuove nazioni aeronautiche dove si stanno affermando nuovi costruttori. Per noi la possibilità di essere presenti su più segmenti e su più programmi è una maggiore sicurezza di crescita”. Punto di vista diverso, invece, per Alberto Ribolla, Presidente di Confindustria Lombardia e a Farnborough per Mecaer Aviation Group: “Il nostro settore è in un momento non semplice. Le turbolenze a livello mondiale sia politiche sia economiche non agevolano soprattutto il settore Oil & Gas che incide per il 35% sul comparto elicotteristico. Se soffre l’Oil & Gas soffrono anche le attività legate all’ala rotante. Da qui le ripercussioni che vivono oggi le piccole e medie imprese sulla componentistica”.

(Ufficio Stampa Lombardia Aerospace Cluster)

Articolo scritto da JT8D il 18 Lug 2016 alle 6:27 pm.
Categorie: Eventi e Manifestazioni, Industria - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus