TRANSAVIA COMPIE 50 ANNI

Quest’anno Transavia compie 50 anni - un traguardo molto importante legato in modo particolare all’Italia, poiché la prima rotta inaugurata dal vettore nel 1966 è stata proprio verso il Bel Paese, con il volo Amsterdam - Napoli. Per celebrare il suo anniversario la compagnia festeggia con una promozione, offrendo un numero ancora maggiore di biglietti a tariffe convenienti per volare ad Amsterdam, Parigi, Monaco di Baviera, Rotterdam, Eindhoven e Nantes durante tutta la stagione invernale 2016/2017. Per le rotte Torino-Amsterdam e Verona-Amsterdam Transavia lancia inoltre una tariffa speciale di 35€ a tratta, tasse e spese incluse. I biglietti possono essere prenotati da oggi, giovedì 6 ottobre, fino a martedì, 18 ottobre 2016. La promozione rappresenta una buona occasione per scegliere un weekend lontano dalla routine quotidiana, anche in inverno, visitando le città più belle d’Europa con i musei più famosi e interessanti, come il Rijksmuseum ad Amsterdam o il Louvre a Parigi, oppure combinando il proprio viaggio con una visita ai mercatini natalizi di Monaco di Baviera, i presepi e il vin brûlé; o, ancora, per conoscere l’Olanda più autentica e meno conosciuta, scoprendo le avveniristiche Rotterdam e Eindhoven. Dall’Italia Transavia collega Bari, Catania, Napoli, Palermo, Pisa, Torino, Venezia, Verona, Bologna e Roma alle destinazioni Amsterdam, Parigi, Monaco di Baviera, Rotterdam o Eindhoven.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.transavia.com. La promozione è valida da giovedì 6 ottobre dalle ore 08.00 fino al 18 ottobre alle ore 07.59 e copre il periodo di viaggio dal 1 novembre 2016 al 31 marzo 2017 (compreso). Transavia, parte del gruppo Air France / KLM, offre dalle sue sei basi in Olanda e Francia voli di linea e charter verso 110 destinazioni in Europa e Nord Africa.

(Ufficio Stampa Transavia)

Articolo scritto da JT8D il 6 Ott 2016 alle 6:37 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree / Alleanze - Tags:


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus