ALITALIA: NUOVI VOLI PER CUBA E TENERIFE CON L’ORARIO INVERNALE. UN 777 IN PIU’ PER I VOLI INTERCONTINENTALI

Con il nuovo orario invernale Alitalia avvierà il nuovo collegamento diretto Roma-L’Havana - dal 29 novembre - e confermerà i servizi per Santiago del Cile, Città del Messico e Pechino inaugurati la scorsa estate. Per sostenere lo sviluppo del proprio network intercontinentale, a partire dal mese di dicembre Alitalia metterà in servizio un ulteriore Boeing B777 che porterà la flotta di lungo raggio della Compagnia a un totale di 25 aerei. La Compagnia italiana potenzierà anche la propria offerta in Spagna attraverso il nuovo collegamento diretto fra Roma e Tenerife, che verrà effettuato ogni Sabato e Domenica dal 30 ottobre con un Airbus A320 configurato in due classi di servizio, business ed economy. Migliorerà anche l’offerta sulla Roma-Teheran, grazie all’impiego di aerei Airbus A330 al posto degli Airbus A320. Ciò consentirà di offrire su questa rotta il 55% di posti in più, 70 tonnellate cargo a settimana, la connettività WiFi a bordo e soprattutto un servizio di eccellenza in Business Class con poltrone che si reclinano fino a diventare un letto e un menù pluripremiato di alta ristorazione italiana. Sulla rete domestica, la Compagnia italiana avvicinerà ancora di più il Nord e il Sud del Paese, confermando anche per i mesi invernali il volo giornaliero Bologna-Catania e offrendo più collegamenti da Milano verso Bari, Catania e Pescara. Più voli sono previsti anche da Roma per Trieste e Catania e fra Catania e Napoli. I biglietti di tutti i voli sono in vendita su alitalia.com, chiamando il Call Center al numero 89.20.10, nelle agenzie di viaggio e nelle biglietterie aeroportuali. I soci MilleMiglia Alitalia possono accumulare e spendere miglia su tutta la rete di collegamenti della Compagnia.

(Ufficio Stampa Alitalia)

Articolo scritto da JT8D il 13 Ott 2016 alle 5:57 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree / Alleanze - Tags: , , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus