IL LEONARDO DA VINCI PRIMO HUB EUROPEO PER QUALITA’ DEI SERVIZI

ADRSecondo le rilevazioni effettuate da ACI - Airport Council International, associazione internazionale che misura attraverso interviste ai passeggeri la qualità percepita in circa 250 aeroporti nel mondo - nel terzo trimestre del 2016, il Leonardo da Vinci si classifica, per gradimento dei viaggiatori, primo tra i grandi aeroporti in Unione Europea. Nel giro di un solo trimestre, l’hub della Capitale ha superato il precedente record, lasciando in seconda posizione l’aeroporto di Monaco, a sua volta seguito da Heathrow, Copenaghen e Amsterdam. Si tratta della più alta performance mai registrata nella storia dello scalo. A trainare l’escalation di Fiumicino sono stati servizi come i controlli di security, dove sul punteggio totale incidono la cortesia del personale, insieme ad accuratezza e velocità del servizio. Un ottimo riscontro è giunto anche da servizi come il Wi-Fi libero e gratuito e le nuove postazioni e-Gates per il controllo automatico dei passaporti. In termini di comfort, significativo impatto hanno avuto l’igiene e la disponibilità delle toilette, tra i servizi maggiormente graditi dal passeggero, insieme alla generale pulizia delle aerostazioni, costantemente monitorata da personale aeroportuale dedicato.

Il punteggio più alto (4,24) tra i 34 parametri che misurano la qualità percepita è stato attribuito alla chiarezza e disponibilità delle informazioni sui voli, attraverso i monitor digitali, recentemente rinnovati da ADR attraverso significativi investimenti. Subito dopo, a 4,23, si attesta la generale cortesia del personale aeroportuale, intesa come gentilezza e attenzione alle esigenze del passeggero. Una performance che conferma l’eccellenza italiana nelle capacità di accoglienza e tra i fattori principali ad influire sulla percezione di Fiumicino.

(Ufficio stampa ADR)

Articolo scritto da mcgyver79 il 19 Ott 2016 alle 6:23 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus