BOEING PUBBLICA I RISULTATI DEL TERZO TRIMESTRE E ALZA LA GUIDANCE PER L’ANNO

The Boeing Company riporta un utile per azione GAAP per il terzo trimestre pari a $3,60 e un utile core per azione (non-GAAP) pari a $3,51 in virtù di una generale solida esecuzione dei programmi di produzione e servizi, componenti fiscali favorevoli ($0,98 per azione) e tempistica delle consegne dei velivoli. La guidance sul fatturato è stata aumentata di $500 milioni a $93,5 - $95,5 miliardi a causa di maggiori consegne commerciali. La guidance sugli utili per azione GAAP per il 2016 è stata aumentata a $7,10 - $7,30 da $6,40 - $6,60 e la guidance sugli utili core per azione (non-GAAP) è stata aumentata a $6,80 - $7,00 da $6,10 - $6,30 per riflettere una rettifica fiscale favorevole pari a $0,70. La rettifica fiscale favorevole per il terzo trimestre per un accertamento fiscale pari a $0,28 per azione per il periodo 2011 - 2012 era stata precedentemente annunciata nel secondo trimestre del 2016, ed era già riflessa nella precedente guidance. “La solida performance di esercizio per tutti i nostri settori, commercial, defense e space nel terzo trimestre ha generato un forte cash flow per Boeing, che continua ad alimentare gli investimenti nel nostro futuro e ci permette di assicurare ritorni significativi ai nostri azionisti,” ha detto il Chairman, President and Chief Executive Officer, Dennis Muilenburg. “Ci siamo inoltre assicurati ordini chiave, rafforzando la capacità del nostro ampio e diversificato portafoglio ordini”.

“Abbiamo raggiunto traguardi chiave per i 737 MAX, 787-10 e altri programmi di sviluppo, inclusi i primi contratti di produzione per il KC-46. I nostri team rimangono concentrati nel completamento di questi sforzi di sviluppo e nella fornitura di risorse e condizioni economiche sempre migliori ai nostri clienti in tutto il mondo”.

“Siamo tuttora on track per mantenere i nostri impegni per l’anno. Allo stesso tempo, stiamo posizionando Boeing affinché ottenga una crescita ancora maggiore attraverso un focus intenso su produttività, qualità e sicurezza in tutta l’azienda”.

Il cash flow di esercizio del trimestre ammontava a $3,2 miliardi, riflesso di una solida performance di esercizio. Durante il trimestre, l’azienda ha riacquistato 7,6 milioni di azioni per un ammontare di $1,0 miliardi, lasciando i $7,5 miliardi rimanenti ai sensi dell’attuale autorizzazione al riacquisto. L’azienda ha anche pagato $0,7 miliardi in dividendi per il trimestre, riflettendo una crescita approssimativa del 20 percento per azione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Contanti e investimenti in titoli negoziabili ammontavano ad un totale di $9,7 miliardi, in aumento da $9,3 miliardi all’inizio del trimestre. Il debito ammontava a $10,5 miliardi, in diminuzione dall’inizio del trimestre, dovuto al rimborso del debito.

Il portafoglio ordini totale alla fine del trimestre era pari a $462 miliardi, in diminuzione da $472 miliardi dall’inizio del trimestre, e includeva ordini netti per il trimestre pari a $15 miliardi.

I profitti di Commercial Airplanes nel terzo trimestre sono diminuiti a $17,0 miliardi per un minore volume di consegne previsto. Il margine di esercizio del terzo trimestre è stato del 9,4 per cento, in riflesso del volume e del mix di consegne, parzialmente compensato dai minori costi del periodo. Durante il trimestre è iniziata la produzione del 500° 787 Dreamliner, è stata completata la service ready validation finale del 737 MAX 8 ed è iniziata la produzione del 737 MAX 9. Il programma 737 ha ottenuto più di 3.300 ordini per il 737 MAX dal lancio e l’azienda prosegue nella direttrice di aumentare il tasso di produzione a 47 velivoli al mese nel terzo trimestre del 2017. Durante il trimestre, la società ha continuato a incrementare il business dei servizi attraverso un accordo con Japan Airlines per fornire soluzioni per pezzi di ricambio. Commercial Airplanes ha ottenuto 107 ordini netti durante il trimestre. Il portafoglio ordini rimane notevole con più di 5.600 velivoli, valutati $409 miliardi.

I profitti di Defense, Space & Security per il terzo trimestre sono stati pari a $7,5 miliardi. Il margine di esercizio per il terzo trimestre è stato pari al 10,4 per cento, in riflesso della solida esecuzione e l’impatto del Commercial Crew Program.

I profitti di Boeing Military Aircraft (BMA) per il terzo trimestre sono stati pari a $3,3 miliardi, in riflesso a minori consegne di C-17 e al volume degli F-15. Il margine di esercizio è aumentato al 13,3 per cento, in riflesso al mix di prodotto. Durante il trimestre, BMA ha ottenuto un contratto dalla U.S. Air Force per una produzione iniziale low-rate di 19 Tanker KC-46 e ha ricevuto un accordo da parte del Ministero della Difesa Britannico per l’acquisto di 50 elicotteri da attacco Apache e di 9 velivoli P-8 Poseidon.

I profitti di Network & Space Systems (N&SS) per il terzo trimestre sono diminuiti a $1,7 miliardi con un margine di esercizio del 2,1 per cento, riflettendo fondamentalmente l’addebito del Commercial Crew development program.

I profitti di Global Services & Support (GS&S) per il terzo trimestre sono aumentati a $2,5 miliardi, in riflesso a un maggior volume degli Aircraft Modernization & Sustainment and Training Systems & Government Services.

Il portafoglio ordini di Defense, Space & Security è stato pari a $53 miliardi, 38 dei quali rappresentano ordini da clienti internazionali.

La guidance finanziaria e di consegne per l’azienda aggiornata nel 2016 riflette maggiori consegne commerciali e l’impatto della rettifica fiscale.

(Ufficio Stampa Boeing)

Articolo scritto da JT8D il 26 Ott 2016 alle 8:46 pm.
Categorie: Industria - Tags: ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus