AIR CALEDONIE RICEVE IL SUO PRIMO ATR 72-600

Air Calédonie ha ricevuto oggi il primo di 4 velivoli ATR 72-600. Il velivolo ha 68 posti in configurazione all-economy e verrà utilizzato sul network domestico in Nuova Caledonia. Air Calédonie e ATR hanno iniziato una partnership di lungo termine nel 1986, quando il primo ATR 42 ha iniziato le operazioni per sviluppare i servizi tra le isole. Oggi, 30 anni dopo, con l’entrata in servizio del nuovo ATR 72-600, la compagnia aerea sostituirà gradualmente la flotta ATR esistente, aumentando la capacità e offrendo il massimo livello di comfort per i propri clienti. Samuel Hnepeune, CEO di Air Calédonie, ha dichiarato: “La consegna di oggi rappresenta un altro passo importante nella strategia della compagnia per costruire solide fondamenta per il futuro. La decisione di proseguire con ATR per le nostre operazioni tra le isole a corto raggio fa parte del piano di Air Calédonie per una flotta di velivoli più efficienti nei consumi e affidabili. L’eccezionale efficienza operativa degli ATR -600 series e il loro comfort li rendono la scelta giusta per la nostra compagnia aerea”.

“Siamo orgogliosi di sostenere Air Calédonie nella sua crescita”, ha detto Christian Scherer, CEO di ATR. “Con l’introduzione di questi moderni aerei della serie ATR -600, Air Calédonie, ancora una volta, dimostra la sua fiducia nel nostro prodotto che ha dimostrato di essere un riferimento per le compagnie aeree di tutto il mondo. Air Calédonie sta intraprendendo un cambiamento importante e siamo lieti di vedere che l’ATR 72-600 sta diventando parte integrante del successo della compagnia aerea”.

Il nuovo ATR 72-600 è previsto che effettuerà il suo primo servizio commerciale il 7 dicembre, con partenza da Magenta Airport verso Koné Airport in Nuova Caledonia, poi per condurre in media 26 voli andata e ritorno a settimana.

(Ufficio Stampa ATR)

Articolo scritto da JT8D il 25 Nov 2016 alle 3:02 pm.
Categorie: Compagnie Aeree / Alleanze, Industria - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus