AIR EUROPA INCORPORA BOSTON NEL SUO NETWORK DI DESTINAZIONI STATUNITENSI

Tempo di lettura: 1 minuto

Una nuova destinazione sta per aggiungersi al network di Air Europa: Boston. La compagnia iberica, infatti, collegherà Madrid alla città americana per la prossima estate, più precisamente dal 14 giugno all’8 settembre 2017. La partenza dall’aeroporto di Madrid sarà prevista ogni mercoledì, venerdì e domenica alle ore 15.30, mentre il volo di ritorno lascerà Boston ogni giovedì, sabato e domenica alle ore 23.40 locali. I collegamenti verranno effettuati con Airbus A330-200, velivolo in grado di trasportare fino a 299 passeggeri, 24 dei quali in classe business. Questa nuova rotta testimonia la continua crescita di Air Europa all’interno del mercato statunitense, con performance molto positive. Le rotte attuali verso Miami e New York, infatti, hanno registrato da gennaio a settembre 2016 un incremento complessivo del 3,9% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, con un totale di più di 179.700 passeggeri trasportati. Con l’introduzione di Boston, Air Europa raggiunge un totale di 20 destinazioni nel continente americano consolidandosi ancora una volta come la compagnia di riferimento per le connessioni tra Europa e America. Entro la fine del mese, inoltre, il vettore iberico aprirà le rotte su Guayaquil (Ecuador) e Còrdoba (Argentina), quest’ultima effettuata via Asunciòn (Paraguay); ad aprile 2017, invece, sarà la volta di San Pedro Sula (Honduras). Numerose sono le altre destinazioni che collegano l’aeroporto Adolfo Suarez Madrid-Barajas con voli diretti verso le principali città dell’America Latina: Caracas, Lima, Santa Cruz de la Sierra, Salvador de Bahia, San Paolo, Montevideo, Buenos Aires. Il vettore iberico ha, inoltre, collegamenti diretti da Madrid con Santo Domingo, L’Avana, New York, Miami, Porto Rico, Cancun e Punta Cana.

(Ufficio Stampa Air Europa)

Articolo scritto da JT8D il 14 Dic 2016 alle 7:28 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni, Compagnie Aeree - Alleanze - Operatori - Tags: , ,




    closeReblog this comment
    blog comments powered by Disqus