LEONARDO: CONSEGNATO ALLA MARINA MILITARE ITALIANA IL PRIMO ELICOTTERO NH90 MITT DA TRASPORTO TATTICO

Tempo di lettura: 2 minuti

Leonardo ha consegnato nel mese di gennaio alla Marina Militare italiana il suo primo elicottero NH90 MITT (Maritime – Italian Navy Tactical Transport), denominato MH90 dall’operatore, nel corso di una cerimonia ufficiale presso la base di Luni, alla presenza di rappresentanti della Forza Armata e dell’industria. Assemblato, collaudato e consegnato dallo stabilimento Leonardo di Venezia-Tessera, il velivolo è il primo di dieci MH-90 che la Marina Militare utilizzerà per compiti di supporto anfibio e operazioni con forze speciali. L’MH-90 combina le principali caratteristiche della variante terrestre da trasporto tattico, come la rampa posteriore e l’equipaggiamento di missione, e elementi tipici della versione navale quali il carrello e i rotori ottimizzati per l’impiego imbarcato. La variante MITT si aggiunge a quella NFH (Nato Frigate Helicopter) che la Marina Militare impiega per altri compiti e con 23 unità già ricevute. La consegna del primo MH-90, resa possibile nei tempi previsti grazie alla stretta collaborazione tra cliente e industria, permette alla Marina Militare di compiere un significativo passo in avanti in termini di capacità nell’ambito dei suoi piani di modernizzazione, al fine di soddisfare l’ampia serie di requisiti di missione in scenari operativi in costante evoluzione e assicurando i livelli prestazionali e tecnologici richiesti dalla Forza Armata.

Inoltre, l’agenzia NAHEMA (NATO Helicopter Management Agency), per conto del Ministero della Difesa italiano, ha assegnato a Leonardo un contratto del valore di 11 milioni di euro per equipaggiare gli elicotteri NH90 NFH (NATO Frigate Helicopters) della Marina Militare italiana con l’interrogatore di nuova generazione SIT434/5 per l’identificazione amico/nemico (Identification Friend/Foe – IFF). Il SIT434/5 è stato integrato sugli elicotteri e i test di qualifica sono stati completati con successo. La Difesa italiana sarà la prima a poter contare su interrogatori IFF a standard “Modo 5” per i propri NH90. Un sistema IFF consente di distinguere le forze aeree alleate dalle potenziali minacce grazie all’invio di un segnale di interrogazione ai velivoli non identificati e alla verifica delle risposte ricevute. Si tratta di un avanzato ed efficace sistema di password “challenge/response”. L’interrogatore SIT434/5, sviluppato nell’ambito del programma multinazionale “New Generation IFF”, è la parte del sistema che invia il segnale di “sfida”. E’ stato già acquisito da numerosi clienti internazionali.

Dal 2020 tutti gli equipaggiamenti militari dei Paesi NATO dovranno essere compatibili con il “Modo 5”, mentre il “Modo 4” verrà dismesso. Il SIT434/5 consentirà agli NH90 NFH italiani di mantenere la capacità di condurre operazioni congiunte con gli alleati dopo tale data. Il nuovo standard offre diversi vantaggi rispetto ai sistemi meno recenti, tra cui una maggiore sicurezza nella cifratura. Per gli NH90 TTH (Tactical Transport Helicopter) e NFH in servizio presso le Forze Armate italiane, Leonardo fornisce anche apparati di comunicazione, navigazione e informazione, radar e sistemi di missione.

(Ufficio Stampa Leonardo)

Articolo scritto da JT8D il 21 Feb 2017 alle 7:52 pm.
Categorie: Enti e Istituzioni, Industria - Tags: , , , , ,




I commenti sono chiusi.