AEROPORTO DI BOLOGNA: IL CDA APPROVA IL PROGETTO DI BILANCIO DI ESERCIZIO E IL BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2016

Il Consiglio di Amministrazione di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna S.p.A., riunitosi oggi sotto la Presidenza di Enrico Postacchini, ha approvato il Progetto di Bilancio di Esercizio e il Bilancio Consolidato al 31 dicembre 2016. Nell’esercizio 2016 l’Aeroporto di Bologna ha registrato un nuovo record di traffico su base annuale con circa 7,7 milioni di passeggeri, in incremento del +11,5% rispetto al 2015. In particolare questo trend di crescita ha beneficiato dell’introduzione di nuove destinazioni - che hanno raggiunto il numero di 103 mete servite - del potenziamento di rotte già attive e dell’utilizzo di aeromobili di maggiori dimensioni, soprattutto nel traffico di linea. “Siamo particolarmente soddisfatti dei risultati record 2016, che confermano la solidità del progetto strategico di crescita dell’aeroporto, in linea con il piano e gli obiettivi presentati in fase di IPO nel luglio 2015. Le ottime performance evidenziate si traducono inoltre nella politica di distribuzione di dividendi ai nostri azionisti, con un payout ratio particolarmente distintivo ed un ammontare distribuito superiore all’esercizio scorso”, commenta Enrico Postacchini, Presidente di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna.

“Nel corso del 2016 siamo riusciti a confermare e rafforzare i trend positivi, industriali ed economico/finanziari, già in atto” - ha commentato Nazareno Ventola, Amministratore Delegato e Direttore Generale di Aeroporto Guglielmo Marconi di Bologna - “e abbiamo chiuso l’anno con risultati di grande soddisfazione per la società. In particolare, la conferma e rafforzamento della vocazione internazionale del nostro aeroporto affiancata all’incremento del traffico nazionale, lo stretto rapporto di partnership con le più importanti compagnie aeree e la propensione ad investire costantemente nell’infrastruttura per offrire ai passeggeri un’esperienza di viaggio eccellente, sono elementi che ci consentono di guardare all’aeroporto del futuro con grande ottimismo, consci delle importanti sfide che ci attendono”.

L’Aeroporto di Bologna ha registrato nell’esercizio 2016 una significativa crescita del traffico per un totale di 7.680.992 passeggeri rispetto ai 6.889.742 passeggeri del 2015. Questa netta crescita è stata guidata sia dalla componente dei passeggeri su voli internazionali - aumentati del +11,3% rispetto al 2015 e pari al 75% del totale, incidenza in linea con l’esercizio precedente - così come dalla componente domestica (+12,1% rispetto al 2015) grazie alla reintroduzione del collegamento per Catania da parte di Alitalia e l’avvio del collegamento giornaliero per Cagliari da parte di Ryanair. Il load factor medio (ovvero il coefficiente di riempimento di un aeromobile) è pari al 78,5% e rimane sostanzialmente invariato rispetto al dato 2015 del 78,6%, per effetto di una crescita dei passeggeri in linea con l’aumento dei posti offerti.

Alla conferma del trend positivo nella crescita del traffico passeggeri hanno contribuito sia il traffico di linea che la componente low-cost. In particolare, il traffico di linea ha registrato un aumento del 13,4% grazie al volo Emirates per Dubai che ha avuto effetto pieno nell’anno per l’avvio delle operazioni a novembre 2015, all’ingresso di nuovi vettori strategici quali Air Berlin con il collegamento su Dusseldorf, al potenziamento delle frequenze verso hubs serviti da alcune delle principali compagnie internazionali (Air Dolomiti/Lufthansa, Aeroflot, CSA) ed al crescente segmento dei voli “stagionali leisure” con Blue Panorama e Neos.

Anche il traffico low cost conferma il trend di netta crescita, pari al 12,6% grazie al rafforzato investimento sullo scalo da parte dei principali vettori low cost, in particolare Ryanair e Wizzair.

Osservando la composizione del traffico 2016, i passeggeri domestici rappresentano un quarto del totale, mentre la Spagna è al secondo posto (14,9%) seguita da Germania (10,1%), Regno Unito (8,3%) e Francia (6,3%).

A conferma dell’obiettivo strategico di definire un ampio network di vettori aerei, con un solido e diversificato mix tra compagnie aeree tradizionali e low cost, il 2016 ha visto 49 vettori attivi sullo scalo. Ryanair si conferma la prima compagnia per numero di passeggeri, seguita dal gruppo Lufthansa (Lufthansa e Air Dolomiti), dal gruppo Air France KLM seguiti da Wizz Air, Alitalia e British Airways.

I ricavi consolidati nell’esercizio 2016 ammontano a 90,4 milioni di euro, in crescita del 12,8% rispetto agli 80,1 milioni del 2015, grazie al trend positivo registrato sia dai ricavi per servizi aeronautici (diritti aeroportuali corrisposti da parte di passeggeri, compagnie aeree e operatori aeroportuali), che dai servizi non aeronautici (prevalentemente parcheggi, retail e servizi ai passeggeri).

L’EBITDA consolidato nell’esercizio 2016 è risultato pari a 28,2 milioni di euro, in crescita del 18,1% rispetto ai 23,9 milioni del 2015. L’EBIT consolidato si è attestato a 17,3 milioni di euro, con un incremento del 21,5% rispetto al dato di 14,2 milioni del 2015. Le positive dinamiche sopra descritte quali il forte incremento del traffico in tutte le sue componenti, oltre all’assenza degli oneri non ricorrenti legati al processo di quotazione pari a 2,6 milioni di euro nel 2015, supportano il risultato netto consolidato che nel 2016 è pari a 11,4 milioni di euro, in crescita del 60,3% rispetto ai 7,1 milioni dell’esercizio 2015. L’andamento del Margine Operativo Lordo rettificato (margine operativo lordo al netto del margine dei servizi di costruzione e delle componenti non ricorrenti) è positivo e registra un incremento del 20,8%. La Posizione Finanziaria Netta del gruppo al 31 dicembre 2016 è positiva per 8,5 milioni di euro, rispetto ai 14,6 milioni di fine 2015. Nell’esercizio 2016 si è confermata la solidità patrimoniale dell’Aeroporto, con un Patrimonio Netto Consolidato di 166,1 milioni di euro, rispetto ai 161 milioni di fine 2015, che tiene conto oltre che del risultato del periodo anche della distribuzione dei dividendi per 6,1 milioni di euro.

Nei primi due mesi del 2017 i passeggeri complessivi sono stati 1.021.754 (+3,4%).

Relativamente all’avvio dei nuovi collegamenti e ad incrementi di frequenza, Eurowings avvierà un nuovo volo per Amburgo con 2 frequenze settimanali a partire dalla Summer 2017; Wizz Air avvierà un nuovo volo per Suceava con 2 frequenze settimanali a partire dalla Summer 2017; Ryanair, nella Summer 2017, avvierà due nuovi collegamenti diretti per Lisbona con 3 voli settimanali e Eindhoven con 3 voli settimanali; Alitalia, dalla Summer 2017, aumenterà le frequenze sulla rotta Bologna-Roma Fiumicino portando da 3 a 4 le frequenze giornaliere.

(Ufficio Stampa Aeroporto di Bologna)

Articolo scritto da JT8D il 20 Mar 2017 alle 4:45 pm.
Categorie: Aeroporti / Destinazioni - Tags: , ,


close Reblog this comment
blog comments powered by Disqus